Alessandra Amoroso nei guai: denunciata per un video

Brutta disavventura per Alessandra Amoroso, finita nei guai a causa delle riprese di un suo video. La cantante salentina infatti è stata denunciata perché avrebbe girato la clip di Fidati ancora di me senza avere le necessarie autorizzazioni. L’Ater di Roma la accusa di invasione di edifici e di truffa.

da , il

    Alessandra Amoroso nei guai: denunciata per un video

    Alessandra Amoroso nei guai: denunciata per un video. Scegliere la location per girare il videoclip di un brano musicale è sempre una grande responsabilità. Alessandra Amoroso è incappata in un guaio legale proprio per questo motivo. Il suo ultimo successo Fidati ancora di me, quinto estratto dall’album Vivere a colori, è stato girato presso i palazzi di Tor Marancia, dove si possono ammirare i murales Big city life, divenuti molto noti negli ultimi tempi.

    L’Ater denuncia Alessandra Amoroso

    Questi palazzi appartengono però all’Ater (Azienda per l’Edilizia Residenziale Pubblica). Il direttore generale dell’azienda, Franco Mazzetto, ha deciso di sporgere denuncia – presentata lo scorso 4 luglio 2017 – contro Alessandra Amoroso perché non ha mai chiesto l’autorizzazione per girare le riprese, né ha mai pagato il canone d’affitto.

    A rivelare la notizia è Il Corriere della Sera, che nella sua edizione romana parla dell’iniziativa di Mazzetto: “Ha presentato una denuncia-querela in procura rilevando ‘un danno patrimoniale e gli estremi del reato di invasione di edifici peraltro nella forma perseguibile d’ufficio trattandosi di edilizia residenziale appartenente ad un ente pubblico’”.

    Alessandra Amoroso non ha pagato la cauzione

    Stando alla ricostruzione degli avvenimenti, effettuata dall’Ater, la cantante salentina in un primo momento aveva contattato l’azienda mediante la società che la rappresenta, la Bmovie Italia srl.

    “La prima mail risale a febbraio scorso, con la quale la società chiese l’autorizzazione per effettuare le riprese. Quindi la risposta dell’azienda, che si dice disponibile a concedere il via libera a patto, però, che si segua l’iter autorizzativo e, contestualmente, si paghi il canone previsto: vale a dire 1.000€ al giorno e una cauzione di 2.500”.

    La risposta negativa da parte della Bmovie ha fatto credere all’Ater di trovarsi di fronte ad una rinuncia. Ma a giugno un dipendente dell’azienda ha notato nel video della cantante alcuni locali dello stabile di Tor Marancia.

    Secondo i legali dell’ente, “tale comportamento è stato realizzato per perseguire un ingiusto profitto a danno della pubblica amministrazione”. Pertanto l’Ater richiede il pagamento di una somma pari a 3.500€.

    Alessandra Amoroso, la vita privata

    Mentre si attende la decisione da parte della procura, Alessandra Amoroso pensa ai suoi prossimi impegni lavorativi. Recentemente la cantante ha rivelato che le piacerebbe festeggiare i suoi 10 anni di carriera con un tour negli stadi di tutta Italia. Invece sembrano non esserci novità per quanto riguarda la sua vita sentimentale.

    Qualche settimana fa la Amoroso ha smentito ogni gossip sul suo presunto matrimonio con Stefano Settepani, che sembrava davvero essere alle porte. Nella stessa occasione però ha lasciato intendere di voler ingrandire la sua famiglia. Chissà che nel suo futuro non ci sia prima un figlio, piuttosto che le nozze!

    Alessandra Amoroso, le foto più belle della cantante