Amadeus, l’amara confessione: Nel 2006 nessuno mi chiamava più

Amedeo Sebastiani, conosciuto con il suo nome d’arte Amadeus, è uno dei presentatori più amati dal pubblico italiano. Eppure alcuni anni fa la sua carriera ha subito una brutta battuta d’arresto, tanto che il conduttore è arrivato a temere di non poter più trovare lavoro in televisione. Ecco il suo racconto.

da , il

    Amadeus, l’amara confessione: Nel 2006 nessuno mi chiamava più

    Amadeus confessa di aver trascorso un brutto periodo nel 2006, quando nessuno lo chiamava più per lavorare. La sua carriera, iniziata sotto i più brillanti auspici, sembrava essere ormai giunta al capolinea. Il tutto a causa di una decisione sbagliata: Amadeus aveva infatti accettato di passare a Mediaset grazie ad un’offerta molto allettante, ma che si è poi rivelata inconcludente. Da lì, l’inizio di un momento davvero drammatico per il conduttore italiano, che per fortuna ha potuto contare sul supporto di sua moglie Giovanna.

    Amadeus confessa: “Nessuno mi dava da lavorare”

    Quella di Amadeus è stata una carriera folgorante: l’esordio in radio e poi presso alcune piccole emittenti locali lo ha condotto ben presto alla Rai, dove ha presentato molte trasmissioni di successo. Fino ad arrivare a L’Eredità, dove ha conosciuto quella che nel 2009 è diventata sua moglie, la bella Giovanna Civitillo.

    Ma è stato proprio in quegli anni che Amadeus ha deciso di dare una svolta alla propria vita: il passaggio a Mediaset. “Ero lusingato: andavo a guadagnare di più, mi offrivano 3 anni di contratto, potevo tornare a Milano dove stava mia figlia. Tutto perfetto. Invece i 3 anni di preserale si fermarono a pochi mesi” – confessa il conduttore in un’intervista al Corriere della Sera.

    Era il 2006, e per Amadeus è iniziato un periodo buio. “Sono rimasto fermo per due anni e ho rischiato che la mia carriera fosse al capolinea. Nessuno mi dava da lavorare, nessuno mi chiamava, non avevo più offerte, ero passato dall’essere uno che faceva picchi di ascolto a uno a cui non squillava il telefono” – svela l’amatissimo presentatore tv.

    Per fortuna Amadeus ha avuto la forza di ricominciare. Il ritorno alla Rai gli ha dato un rinnovato slancio, con la conduzione di Mezzogiorno in famiglia. “La seconda gavetta è stata più affascinante della prima che era capitata in età logica: a 45 anni hai una consapevolezza diversa, non sei neanche sicuro che le cose vadano bene, ma sono sempre stato tranquillo e fiducioso”.