Anna Falchi rivela: Anch’io ho subito molestie

Ormai non si contano più le denunce da parte di donne dello spettacolo internazionale ma anche italiano che raccontano di aver subito molestie o abusi se non addirittura violenza sessuale nel corso della loro carriera. Questa volta è il turno di Anna Falchi che parla di 'nomi altisonanti'

da , il

    Anna Falchi rivela: Anch’io ho subito molestie

    “Anch’io ho subito molestie”: Anna Falchi si unisce al coro delle donne di spettacolo che denunciano il sistema e ammettono di essere state oggetto di avances non gradite. Intervistata da Radio Cusano Campus, l’attrice di origini finlandesi ha rivelato di aver subito molestie sessuali da ‘nomi altisonanti’. Secondo Anna Falchi “a meno che tu non sia un cesso incredibile”, tutte le attrici e modelle avrebbero subito abusi nel corso della loro carriera.

    Anna Falchi ammette di aver subito molestie sul lavoro

    Dopo che Asia Argento e tantissime star di Hollywood hanno denunciato Weinstein si è aperto il vaso di Pandora. Tralasciando gli scandali oltreoceano, solo in Italia sono arrivate le denunce al “Weinstein Italiano”, ma anche le accuse di Miriana Trevisan a Tornatore e i terribili racconti di Gina Lollobrigida dallo studio di “Porta a porta”.

    Anche Anna Falchi si unisce al coro di denuncia e ammette di essere stata a sua volta vittima di attenzioni inopportune “anche da nomi altisonanti”.

    “Ma è inutile sparare a zero. Le testate giornalistiche se ne guardano bene dal mettere certi nomi, hanno paura degli effetti collaterali. Quest’anno i giudici di pace avranno un sacco da fare, è difficile affrontare un argomento del genere, la mia parola contro la tua”, ha poi spiegato la 45enne.

    Anna Falchi denuncia: Questo sistema è sempre esistito

    La Falchi non sembra essere così sconvolta dagli scandali che stanno minando lo showbiz internazionale.

    “Ogni giorno se ne sente una, non se ne può più, detto tra noi. Io posso dire che questo tipo di sistema è sempre esistito. Ognuna di noi donne dello spettacolo, a meno che tu non sia un cesso incredibile, ha subito delle avance a volte molto imbarazzanti. Spesso con la scusa dei provini il regista o il produttore qualcosa in più lo fa. Poi sta a te se accettare a meno”, ha affermato prima di elargire un consiglio alle colleghe più giovani.

    “Consiglio a tutte le ragazze di non andare a fare gli appuntamenti nelle case o nelle stanze d’albergo dei registi. Altrimenti ti metti nelle condizioni di poter subire delle molestie un po’ più infime”, ha poi concluso, cercando si spiegare meglio il concetto che si può allargare a qualsiasi ambiente lavorativo.

    “C’è da dire che le ragazze giovani possono essere un po’ succubi di certe figure e subire il potere delle persone. E certi uomini ne hanno approfittato. Da lì a parlare di stupro però bisogna pesare le parole. Le donne subiscono dalla mattina alla sera pressioni sessuali. In tutti i settori. Magari nel mondo dello spettacolo ci sono più occasioni, ma in ogni campo lavorativo è così“.

    Anna Falchi e Alyssia al mare