Attore positivo all’Hiv: cinematografia Usa in allarme

da , il

    cinema a luci rosse

    E’ il panico nel mondo del cinema americano a luci rosse. Nei giorni scorsi una notizia molto preoccupante ha sconvolto industrie cinematografiche come la Vivid Entertainment e la Wicked Pictures, che hanno sospeso le riprese. A quanto sembra una star (per questioni di privacy non è ancora stato reso noto neanche se si tratta di un uomo o di una donna) sarebbe risultata positiva al test dell’Hiv. C’è naturalmente molta preoccupazione in questo particolare settore, e non ci si può non chiedere se siano davvero state prese tutte le possibili precauzioni per evitare problemi del genere.

    L’attore o attrice a luci rosse si era sottoposto ad una visita di routine presso l’Adult Industry Medical Healthcare Foundation, dove è risultato sieropositivo al test.

    Ovvia ed immediata la sospensione delle riprese, come ha spiegato lo stesso Steven Hirsch, della Vivid Entertainment, che al Los Angeles Time ha confermato: “Abbiamo deciso di sospendere temporaneamente i film per ragioni di sicurezza”.

    Immediata la reazione da parte dell’Aids Healthcare Foundation, che da tempo si batte affinché in questo specifico settore gli attori utilizzino delle protezioni, ma la risposta da parte delle aziende cinematografiche a queste richieste è sempre stata una sola: “Diamo al consumatore ciò che il consumatore vuole! “. Adesso magari ci si renderà conto del rischio enorme che si corre …