Barbara D’Urso accolta in questura con un picchetto d’onore: aperta indagine interna

Mercoledì scorso Barbara D'Urso ha fatto visita alla sede di Via Fatebenefratelli della Questura di Milano ed è stata accolta con un picchetto d'onore, solitamente dedicato alle autorità nel corso delle visite istituzionali. Il Questore di Milano Marcello Cardona ha dichiarato che aprirà un indagine interna per chiarire la situazione

da , il

    Barbara D’Urso accolta in questura con un picchetto d’onore: aperta indagine interna

    Barbara D’Urso accolta in questura con un picchetto d’onore: aperta un’indagine interna. Nei giorni scorsi la nota conduttrice di canale 5 ha fatto visita alla sede della polizia a Milano, come documentato dai suoi profili social. Barbara D’Urso è stata salutata dagli agenti con tutti gli onori che si riservano ai personaggi importanti durante le visite più istituzionali. “Sono molto orgogliosa di essere ricevuta così. Tutti ragazzi che lavorano per noi. Evviva!”, diceva sulle Instagram Stories la 60enne, finita sotto accusa.

    Barbara D’Urso in questura accolta da un picchetto d’onore

    Mercoledì scorso Barbara D’Urso è stata ospite della sede di Via Fatebenefratelli della Questura di Milano: un incontro privato e informale nato per ricambiare gli inviti a Domenica live della conduttrice, che ha avuto spesso ospite in studio la dirigente delle volanti Maria Josè Falcicchia.

    Quello che ha fatto scalpore è come è stata accolta la conduttrice di Pomeriggio 5: la 60enne ha fatto il suo ingresso davanti agli agenti in divisa sull’attenti, schierati come di prassi durante le visite delle autorità.

    Anche se dalla Questura hanno subito precisato che “non si è trattato di un picchetto d’onore ma di un cambio turno”, le polemiche sull’accaduto non si sono arrestate.

    Picchetto d’onore per la D’Urso in Questura, scatta l’inchiesta interna

    Come riportato da “Il Fatto Quotidiano” questa mattina, il Questore di Milano Marcello Cardona avrebbe aperto un’indagine interna per individuare i dirigenti colpevoli di aver voluto dedicare questo tipo di accoglienza alla D’Urso.

    Il “picchetto” non era stato ben digerito da molti, in particolare dagli iscritti al “Movimento Poliziotti Democratici e Riformisti”, che avevano scritto al capo della polizia Franco Gabrielli definendo quel saluto “non previsto dal nostro regolamento e dal nostro cerimoniale, con evidenti sprechi per la collettività”.

    Secondo gli agenti del Movimento, la situazione “di grande imbarazzo offende il lavoro e la dignità e quindi il prestigio di tutti i poliziotti italiani, e a maggior ragione dei nostri colleghi di Milano. La polizia di Stato è su tutti i siti e giornali italiani e forse esteri, non per una brillante operazione di polizia giudiziaria ma per il fatto che la signora Barbara D’Urso, dimostrando tra l’altro affetto e stima per la polizia di Stato, ha postato su tutti i social un video amatoriale attraverso il quale si compiaceva per l’accoglienza istituzionale che il questore Marcello Cardona le aveva riservato”.

    Barbara D'Urso, le foto della conduttrice tv