Caso Weinstein, Fiorello confessa: Mi ha minacciato

Dopo la lunga sequela di attrici che hanno denunciato violenze sessuali da parte del produttore hollywoodiano, Harvey Weinstein ora si trova a fronteggiare anche le accuse di Rosario Fiorello. L’artista siciliano racconta con la sua consueta ironia le minacce ricevute dall’uomo.

da , il

    Caso Weinstein, Fiorello confessa: Mi ha minacciato

    Caso Weinstein, Fiorello confessa: Mi ha minacciato. Sono davvero tante le donne che finalmente hanno trovato il coraggio di denunciare gli abusi subiti ad opera di Harvey Weinstein. Da oggi alla lista si aggiunge Rosario Fiorello, che accusa il produttore cinematografico di averlo minacciato. Lo showman siciliano racconta i primi contatti con Weinstein e la conclusione del loro rapporto dopo le minacce ricevute.

    Fiorello rivela: “Harvey Weinstein mi ha minacciato”

    Ieri, lunedì 23 ottobre 2017, Rosario Fiorello ha debuttato su Facebook con il suo nuovo programma radiofonico. Si chiama “Il Socialista”, e prevede ogni giorno una diretta live sul social network, durante la quale tratta vari argomenti con la sua brillante ironia.

    Per la prima puntata del suo nuovo show, Fiorello ha pensato di toccare un tema molto delicato, che in questi giorni è al centro dell’attenzione. Stiamo parlando del caso Weinstein: il produttore cinematografico è stato accusato da decine di donne di aver compiuto nei loro confronti delle molestie sessuali.

    Sono tantissime le attrici che hanno deciso di denunciare finalmente gli abusi subiti, tra le quali Cara Delevingne, Angelina Jolie e Sophie Dix. In Italia la notizia ha fatto scalpore grazie alla denuncia di Asia Argento, finita al centro di un vero e proprio caso mediatico.

    Fiorello, in diretta su Facebook, lancia la bomba: anche lui ha avuto problemi con Harvey Weinstein, che in passato lo ha minacciato. Il primo incontro tra i due è avvenuto sul set de “Il talento di Mr. Ripley”, film del 1999 con Matt Damon, Jude Law e Gwyneth Paltrow.

    “All’epoca la Paltrow era fidanzata con Ben Affleck e alle feste poteva capitare di incontrare Weinstein che, con atteggiamento godone, seduto sul divano con le gambe aperte, ordinava champagne anche per darlo da bere alle piante” – rivela Fiorello.

    Il contatto successivo è arrivato alcuni anni dopo, quando lo showman siciliano è stato ingaggiato per un ruolo minore in “Nine”, un film-musical prodotto da Weinstein. Ma Fiorello non era interessato: era agosto, e avrebbe dovuto trascorrere parecchi giorni negli States per girare una sola scena.

    Il no dell’artista non è proprio andato giù al produttore, che gli ha inviato una lettera firmata a proprio nome: “Mi scrisse che non potevo non accettare e che lui non poteva tollerare che un signor nessuno come me gli dicesse di no.

    Mi scrisse che Minghella aveva molta stima di me e cose tipo ‘come osi rifiutare’ e ‘tu forse non hai capito a chi hai detto no’, con una conclusione del tipo: ‘Dopo questo rifiuto, non lavorerai mai più in America’. È per questo che non mi avete mai visto in Guerre Stellari e Rocky” – ironizza Fiorello.

    Fiorello, le foto dello showman