Conchita Wurst: chi è la drag queen dell’Eurovision 2014 [FOTO]

da , il

    Conchita Wurst ha sbancato l’Eurovision Song Contest 2014 e la vittoria della drag queen con la barba e i baffi sta facendo molto rumore in Rete e in tutto il mondo. Ma chi è Conchita Wurst? E’ un’attivista dei diritti gay e ha 25 anni. La giovanissima cantante austriaca, all’anagrafe Tom Neuwirth, ha vinto la 59esima edizione della manifestazione musicale europea andando ben oltre i pronostici della vigilia. Grazie alla sua canzone Rise like a phoenix, l’artista austriaca ha battuto tutti gli altri concorrenti. Il duo musicale olandese The Common Linnets si è piazzato al secondo posto. Medaglia di bronzo per la cantante svedese Sanna Nielsen.

    L’artista italiana ed ex fidanzata dell’attore Marco Bocci, Emma Marrone, si è classificata al 21° posto. Subito dopo la premiazione, Conchita Wurst ha rivolto un messaggio di pace e d’amore: “Dedico la vittoria a tutti coloro che credono in un futuro di pace e libertà. Siamo uniti e siamo inarrestabili”.

    In Russia la sua vittoria sta sollevando una marea di reazioni negative ed è stata accolta con molta freddezza anche dalle autorità istituzionali russe. “Il risultato di Eurovision ha mostrato ai sostenitori dell’integrazione europea – ha detto Dmitri Rogozin, vice premier russo – il loro futuro europeo: una donna barbuta”. Ridicolo il commento del leader nazionalista russo Vladimir Zhirinovsky: “E’ la fine dell’Europa: non hanno più uomini e donne, hanno ‘questo’”. Fortunatamente tutta un’altra musica in Austria e nei Paesi scandinavi con il presidente austriaco Heinz Fischer che ha espresso tutta la sua soddisfazione: “E’ stata una vittoria non solo per l’Austria, ma soprattutto per la diversità e la tolleranza in Europa”.

    Conchita Wurst guarda avanti e non dà molto peso alle polemiche scaturite dalla sua vittoria all’Eurovision 2014 e dopo essere stata accolta come una star al suo rientro a Vienna ha dichiarato ai cronisti presenti in aeroporto: “E’ stata una vittoria non solo per me, ma anche per tutti quelli che credono in un futuro che funzioni senza discriminazione e sia basato su tolleranza e rispetto”. Un messaggio sociale davvero molto lodevole e importante. Ora sogna di vincere un Grammy Award! Auguri Conchita!