Fiorello a Sanremo 2018: gli scherzi con Baglioni e il sondaggio politico

Il monologo di Fiorello al Festival di Sanremo 2018 ha divertito il pubblico. Tra sketch comici e scherzi con Claudio Baglioni, canzoni intonate a squarciagola e momenti di serietà, lo showman siciliano ha conquistato i telespettatori.

da , il

    Fiorello a Sanremo 2018: gli scherzi con Baglioni e il sondaggio politico

    Fiorello ha aperto la 68esima edizione del Festival di Sanremo, con un monologo pronunciato dal palco dell’Ariston. Dopo un piccolo battibecco con Claudio Baglioni, che lo ha apostrofato scherzosamente per essere arrivato troppo in anticipo, il comico siciliano ha iniziato il suo sketch. E il teatro si è subito infiammato, con la simpatia travolgente dello showman. Ecco cosa è successo al Festival di Sanremo 2018.

    Fiorello, il monologo a Sanremo 2018

    Fiorello ha salutato il pubblico, ma è subito stato interrotto. Improvvisamente un uomo ha fatto irruzione sul palco, chiedendo di poter parlare con il Procuratore della Repubblica e con il sindaco di Sanremo. L’intruso è stato prontamente allontanato dallo staff, mentre Fiorello ha ripreso in mano le redini dello show con una battuta simpatica.

    Da quel momento tutto è filato via senza intoppi. Il comico ha scherzato sul pubblico del Festival (“I giovani non vogliono Sanremo, stasera non sentiremo dire ‘bella raga’, semmai potremmo sentire ‘bella ruga’”), sul divertente messaggio Whatsapp che Claudio Baglioni gli avrebbe mandato per convincerlo a partecipare (“Ci ho messo anni per diventare quello che sono, cioè un sex symbol, e ora me lo gioco qua”), sulla politica e molto altro.

    Ricordando la gaffe commessa da Patty Pravo la notte di Capodanno 2018, Fiorello ha declamato con convinzione: “Vi auguro un buon Sanremo 1918”. Poco prima di intonare un incredibile medley di canzoni di Claudio Baglioni e Gianni Morandi, il comico si è visibilmente emozionato, tanto da dover chiedere un sorso d’acqua per andare avanti.

    Dopo aver fatto da apripista e aver annunciato l’ingresso in studio di Claudio Baglioni, lo showman si è ritirato dietro le quinte. Per ritornare “inaspettatamente” al posto di Laura Pausini, l’attesissima ospite di questa prima puntata del Festival. La cantante non è potuta venire a causa di una brutta laringite, e il suo spazio è stato occupato proprio da Fiorello.

    Lui e Claudio hanno cercato di intrattenere il pubblico con un gioco sicuramente molto particolare: hanno chiesto ai presenti in sala di indicare chi avrebbero votato alle elezioni del prossimo 4 marzo 2018, per alzata di mano. Ovviamente, essendo in periodo di par condicio, la telecamera ha inquadrato rigorosamente solo il palco.

    “Orfeo (Mario Orfeo, direttore generale della Rai, ndr), non puoi alzare la mano tutte e tre le volte, eh?” – sbotta Fiorello sorridendo. Una voce ha interrotto il momento goliardico: è Laura Pausini, in collegamento telefonico. Per confortarla, Fiorello e Claudio Baglioni le hanno dedicato una splendida versione di “E tu”, un grande classico del cantautore romano.