Grande Fratello VIP, addio al trash? Il pubblico premia la sobrietà

Con il 68% delle preferenze, i telespettatori hanno deciso che ad abbandonare la 'Casa' di Cinecittà fosse Carmen Di Pietro, premiando di fatto Daniele Bossari, concorrente che si sta distinguendo per sobrietà e pacatezza. La quarta puntata del Grande Fratello VIP 2 ha mostrato un nuovo gusto del pubblico: trash sì, ma entro certi limiti.

da , il

    Grande Fratello VIP, addio al trash? Il pubblico premia la sobrietà

    Al Grande Fratello è tempo di cambiamenti. Epocali. La versione VIP del padre di tutti i reality show mostra il nuovo corso del programma, da cui non sarà più possibile tornare indietro. Nella puntata andata in onda lunedì 2 ottobre 2017 è successo di tutto di più: la squalifica di Marco Predolin a causa di una bestemmia, preceduta dalle accuse di omofobia rivolte allo stesso; la lite accesa tra Alfonso Signorini e Giulia De Lellis, redarguita per aver pronunciato frasi discriminatorie nei confronti dei gay, con tanto di ‘Sei un’ignorante, leggi!’; infine, l’eliminazione di Carmen Di Pietro, in nomination con Daniele Bossari.

    E’ proprio su questo punto che vogliamo soffermarci. Per la prima volta in sedici anni il pubblico ha operato una scelta inaspettata e lo ha fatto in modo netto e preciso: i telespettatori hanno premiato non il personaggio allegro, frizzante, trash tanto quanto basta, bensì il concorrente pacato, mai sopra le righe, che sta nel suo e trascorre la sue giornate tra teorie esoteriche e nozioni di vario genere elargite ai coinquilini.

    La percentuale con cui Daniele Bossari si è salvato dalla eliminazione è schiacciante: 68% contro 32%. Numeri altissimi, inaspettati. Non perché Bossari non meriti di rimanere nella Casa, anzi, ma perché sintomo di un cambiamento profondo nei telespettatori.

    In questi anni, chiunque segua o abbia seguito il GF (VIP o meno che sia) ha pronunciato o sentito dire almeno una volta la frase ‘Non interessa a nessuno, speriamo lo chiudano’. Bene, la puntata è stata seguita da 4.768.000 telespettatori, pari al 24.77% di share. Sebbene Canale 5 non abbia vinto la sfida con Rai 1 (che con La musica del silenzio, il film ispirato ad Andrea Bocelli, ha totalizzato 6 milioni di spettatori con share al 25.08%), il giudizio del pubblico ha segnato un piccolo passo nella storia di questo genere televisivo.

    Il pubblico – dicevamo – ha scelto, e lo ha fatto andando contro ogni previsione, contro ogni pronostico, contro una tradizione storica che, sin dal lontano 2000, ha sempre premiato il concorrente-personaggio, giustificando, talvolta, veri atteggiamenti cafoni in favore del ‘è una persona semplice, sincera’.

    C’è da dire che Carmen Di Pietro è stata una concorrente gioviale, importante, ‘che riempiva la scena’, come ha ben sentenziato Alfonso Signorini all’annuncio del verdetto. Evidentemente non è bastato. Evidentemente il pubblico vuole vedere (anche) altro.

    Lo si è visto anche nel caso di Giulia De Lellis. La fidanzata di Andrea Damante è stata chiamata a render conto di alcune frasi discriminatorie pronunciate dentro la Casa (‘I figli dei gay diventeranno gay’, ‘Se un gay o un drogato mi chiede una sigaretta, gliela lascio, sono ipocondriaca’) e, fin quando non è stata adeguatamente redarguita, frotte di utenti su Twitter invocavano una punizione esemplare, alcuni persino l’espulsione.

    Quanto accaduto fa pensare che sia giunto il momento di dire addio, dunque, alle urla, ai litigi a favore di camera, ai toni esasperati per catturare l’attenzione e ottenere, quindi, qualche ospitata in TV. Oggi al Grande Fratello vince chi è pacato, garbato, morigerato. E non è detto che non funzioni, anzi, il programma ha totalizzato il suo miglior risultato dall’inizio di questa edizione.