Jean-Claude Van Damme, arrestato il figlio per aggressione al coinquilino

Nella notte del 10 settembre, la polizia di Tempe, in Arizona ha arrestato Nicholas Van Varenberg, il figlio 21enne di Jean-Claude Van Damme dopo la denuncia di aggressione del suo coinquilino

da , il

    Jean-Claude Van Damme, arrestato il figlio per aggressione al coinquilino

    Arrestato il figlio di Jean-Claude Van Damme per aggressioni. Nella notte del 10 settembre, la polizia di Tempe, in Arizona ha messo le manette a Nicholas Van Varenberg, il figlio 21enne del celebre attore belga protagonista di numerosi film action simbolo degli anni ’90, dopo la denuncia di aggressione del suo coinquilino. Secondo quanto riferito dall’informatissimo sito Tmz, inizialmente gli agenti erano stati chiamati in seguito agli schiamazzi che provenivano dall’abitazione. Poi invece la situazione si è mostrata molto più drammatica.

    L’arresto del figlio 21enne di Jean-Claude Van Damme

    La polizia era stata chiamata in un primo momento a causa del rumore molesto che proveniva dall’abitazione di Nicholas e l’amico, ma poi gli agenti hanno trovato tracce di sangue vicino all’ascensore, forse segni di una lite.

    Le forze dell’ordine sono tornate in un secondo momento quando il coinquilino del figlio di van Damme ha denunciato di essere stato minacciato dal giovane con un coltello.

    A quel punto, Nicholas Van Varenberg è stato arrestato con l’accusa di aggressione aggravata da arma mortale e di possesso di droghe.

    La condanna e la cauzione di Nicholas Van Varenberg

    Il 21enne è stato condotto alla prigione di Tempe. Una fonte della polizia ha rivelato al magazine “People” che la cauzione sarebbe fissata a 10mila dollari, e che molto probabilmente verrà pagata dal celebre papà.