La figlia di Michael Jackson vittima di bullismo a scuola

da , il

    Oprah Winfrey Paris Jackson

    Essere figli delle star non sempre è facile, e ne sa qualcosa la figlia di Michael Jackson, la bellissima Paris, che a quanto sembra, sarebbe stata vittima di bullismo a scuola, proprio a causa della celebrità del suo defunto padre. In un’intervista rilasciata durante l’Oprah Winfrey show, la sorella di Prince Michael e Blanket ha parlato apertamente delle difficoltà che ha dovuto affrontare fra i banchi di scuola. “Il mio inserimento non è stato dei più facili. Alcuni cercavano di farmi sentire insicura a parole e poi c’erano i cyberbulli”.

    Il Cyberbullismo (contro il quale si è spesso schierata anche la giovane star Miley Cyrus) è il bullismo del web, ed a quanto sembra, anche la “povera” Paris ne è stata vittima.

    “A volte non capivo se lo facevano perché ero famosa o semplicemente perché non stavo loro simpatica, ma ho imparato a non farmi influenzare. Se penso che qualcuno si comporti in modo falso allora cerco di allontanarlo”.

    Detto questo, la giovane ragazza torna a parlare anche di suo padre, una vera e propria leggenda del mondo della musica, e torna a parlare della difficile infanzia che Michael Jackson è stato costretto ad affrontare. Proprio per via della sua brutta esperienza, Michael avrebbe sempre cercato di far vivere una vita serena e spensierata ai suoi figli.

    “Sentiva di non aver avuto la possibilità di farlo perché era diventato famoso giovanissimo e non voleva che anche noi venissimo privati di questi momenti importanti della vita. Trascorreva le giornate in studio di registrazione, mentre gli altri bambini erano fuori a giocare e voleva che anche noi fossimo come questi bambini”.

    La figlia di Michael Jackson: “Ecco perché dovevo indossare una maschera”

    9 giugno 2012

    Paris Jackson, la figlia del celeberrimo artista Michael Jackson, si confessa in una lunga intervista rilasciata a Oprah Winfrey, durante il programma “Next Chapter”, in onda su OWN. Durante la sua intervista la giovanissima Paris, oggi adolescente, ha parlato della sua infanzia, un’infanzia stravagante vissuta insieme al suo amato padre, un padre che – più di ogni altra cosa – desiderava regalare la fanciullezza e la spensieratezza ai suoi bambini, anche a costo di farli vivere con una maschera sul volto.

    “Ero veramente confusa, – racconta oggi Paris, riferendosi alle maschere indossate da lei e dai suoi fratellini per tutta la sua infanzia – non riuscivo a capire perché dovessi indossare una maschera, ma adesso lo so. Mio padre voleva che fossimo coperti perché voleva che avessimo una fanciullezza”.

    Grazie a questo espediente infatti, il compianto Michael Jackson sperava di poter regalare una vita normale ai suoi bambini: “Adesso che sono cresciuta, mi rendo conto del perché mio padre ci obbligasse ad indossare una maschera … per non essere riconosciuti quando eravamo con lui: grazie infatti a questo accorgimento, io e i miei fratelli abbiamo potuto avere un’infanzia normale, con tanto di visite ai negozi di giocattoli e uscite nei nostri ristoranti preferiti. Uno dei nostri posti preferiti era il ristorante Chuck E. Chees”.

    Detto questo, la bellissima ragazzina, che sta per debuttare come attrice nel film “Lundon’s Bridge and the Three Keys”, parla della difficile infanzia vissuta da suo padre.

    “Mio padre ci raccontava spesso che quand’era giovane non aveva avuto una vera infanzia, perché mentre gli altri bambini andavano fuori a giocare, lui era costretto a rimanere nello studio di registrazione per intere giornate. Per questo motivo voleva che noi avessimo le stesse cose degli altri ragazzi della nostra età”.