Lapo Elkann scagionato per il finto rapimento a New York [FOTO]

Lapo Elkann scagionato per il finto rapimento a New York [FOTO]
da in Droga, Scandali, Vip News, lapo elkann
Ultimo aggiornamento:

    Lapo Elkann è davvero felice! La giustizia americana ha deciso di lasciar cadere le pesanti accuse nei suoi confronti per la denuncia di finto rapimento del 27 novembre scorso. Il famoso imprenditore e manager italiano rischiava da 2 a 10 anni di carcere. Il rampollo di casa Agnelli non si è presentato in aula. Il procuratore distrettuale di Manhattan ha stabilito che il caso è chiuso. La notizia è stata confermata da un funzionario del tribunale penale di Manhattan all’Ansa. Anche l’ufficio del procuratore distrettuale ha confermato che le accuse contro Lapo sono cadute e il caso è stato archiviato.

    L’avvocato del presidente e fondatore di Italia Independent Group, Randy Zelin, ha dichiarato ai cronisti: “Dopo un’indagine approfondita è stato appurato che il mio cliente non abbia commesso alcun reato. Lapo Elkann è molto felice e sollevato. Ora il vento torna a suo favore. Consideratelo per quello che è: una persona brillante, creativa e filantropica”.

    L’ex responsabile Brand promotion di Fiat Group ha espresso tutta la sua gioia e felicità in una nota: “La decisione di oggi mi rincuora e rinforza il sentimento di fiducia che da sempre ripongo nella giustizia americana. Ho attraversato un momento difficile”. Lapo ha poi ringraziato la sua famiglia e tutti coloro che gli sono stati vicino, e ha confermato il suo impegno a sostenere le sue aziende.

    Lapo Elkann era stato arrestato per sequestro simulato e poi rilasciato dalla polizia di New York dopo aver trascorso due notti di eccessi, alcol e droga in compagnia di una escort transessuale. La notizia era stata diffusa dai tabloid americani e aveva fatto rapidamente il giro del mondo. Il New York Daily News, il Daily Mail, la Cbs e il Daily Beast avevano rivelato che il fratello del presidente della Fiat Chrysler Automobiles John Elkann aveva chiesto e ottenuto una somma di denaro in prestito dalla escort transessuale per acquistare droga durante i festini a luci rosse e poi aveva escogitato un finto sequestro.

    Il presidente di Italia Independent Group aveva contattato un famigliare, fingendo di essere in balia di una donna che avrebbe potuto fargli del male e aveva raccontato che servivano 10mila dollari in contanti da consegnare ai presunti sequestratori per essere rilasciato. Il parente di Lapo Elkann aveva immediatamente contattato la polizia. Gli investigatori avevano messo in scena la consegna del denaro, smascherando il goffo piano architettato dall’ex responsabile Brand promotion di Fiat Group. La prostituta era stata immediatamente rilasciata, mentre, all’imprenditore italiano era stata consegnata una citazione a comparire davanti alla Corte.

    Un caso simile si era già verificato nel 2005 quando il nipote di Gianni Agnelli aveva rischiato di morire per overdose in un appartamento di una transgender a Torino. Subito dopo quella drammatica vicenda Lapo Elkann aveva promesso: “Ho voltato pagina”.

    Purtroppo questo ennesimo caso di cronaca testimonia il contrario…

    532

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DrogaScandaliVip Newslapo elkann

    Speciale Pasqua

     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI
    Oroscopo di oggi
    • Ariete
    • Toro
    • Gemelli
    • Cancro
    • Leone
    • Vergine
    • Bilancia
    • Scorpione
    • Saggitario
    • Capricorno
    • Acquario
    • Pesci