Le boy-band anni ’90 più amate: che fine hanno fatto?

Negli anni ’90 imperavano le boy-band, che hanno segnato la nostra adolescenza con dei tormentoni assolutamente indimenticabili. Dai Backstreet Boys agli ‘N Sync, passando per tantissime altre band che abbiamo amato: ecco quali sono le nostre preferite e che fine hanno fatto oggi.

da , il

    Le boy-band anni ’90 più amate: che fine hanno fatto? Chi, negli anni ’90, ha trascorso la sua adolescenza non può assolutamente non ricordare alcune delle boy-band che hanno segnato un’intera generazione. Molte di loro sono scomparse nel nulla, qualcuna si è sciolta e ha dato inizio a carriere soliste di grande successo. Ecco che fine hanno fatto le boy-band che ci hanno accompagnato nella nostra gioventù.

    I New Kids On The Block

    new kids on the block
    FOTO | Instagram

    Sebbene la band sia nata nel 1984, rientra a pieno titolo tra quelle più amate degli anni ’90. Anzi, i New Kids On The Block sono a tutti gli effetti i precursori dei tanti gruppi che, negli anni a venire, hanno spopolato tra le giovanissime. Donnie Wahlberg, Joseph Mulrey McIntyre, Danny Wood e i fratelli Jordan e Jonathan Knight hanno segnato un’intera generazione con la loro musica.

    Il successo per loro è arrivato nel 1990, con il singolo “Step By Step” estratto dall’omonimo album. Nel 1994 però i NKOTB si sono sciolti, sia per la tiepida accoglienza del loro nuovo disco che a causa di alcuni problemi di salute di Jonathan Knight. Dopo 14 lunghi anni di assenza, la boy-band si è riunita nel 2008 con grande gioia dei suoi fan. Tutt’oggi i New Kids On The Block sono in attività.

    I Backstreet Boys

    MTV AWARDS: BACKSTREET BOYS
    FOTO | Ansa

    I Backstreet Boys sono una delle boy-band che hanno fatto la storia degli anni ’90. Il gruppo è nato nel 1993, quando i giovanissimi Nick Carter (aveva appena 12 anni), Howie Dorough, AJ McLean, Kevin Richardson e Brian Littrell hanno iniziato ad esibirsi.

    Il successo è arrivato prima in Europa con l’album d’esordio “Backstreet Boys” e solo successivamente negli Stati Uniti con il terzo lavoro in studio, “Millennium”. Nel 2002 ciascuno dei membri della band tenta la carriera solista, per poi ritrovarsi nel 2005 con “Incomplete”, estratto dal nuovo album “Never Gone”.

    Da quel momento, i Backstreet Boys non si sono più sciolti, sebbene abbiano avuto dei periodi di pausa. Nel 2006 Kevin Richardson ha lasciato il gruppo per recitare in alcuni musical a Broadway. Quest’ultimo si è riunito ai suoi compagni nel 2012, e tuttora la band mantiene la sua formazione originale.

    Gli East 17

    east 17 fg
    FOTO | Instagram

    Verso la fine del 1991, gli East 17 hanno debuttato in Gran Bretagna raggiungendo presto il successo anche nel nostro paese. Brian Harvey, John Hendy, Terry Coldwell e Tony Mortimer ci hanno regalato una bellissima cover di “West End Girls”, ma anche alcuni brani originali quali “Stay Another Day” o “Thunder”.

    La band ha avuto sorti alquanto movimentate: nel 1999 si è sciolta per la prima volta, e ciascuno dei membri ha tentato la carriera solista. Nel 2006 gli East 17 hanno deciso di riprovarci e tutt’ora continuano a cantare e a produrre album, sebbene Harvey e Mortimer abbiano lasciato il gruppo.

    Gli ‘N Sync

    'n sync
    FOTO | Instagram

    Nel 1995 ha visto la luce la boy-band ‘N Sync, formata da Justin Timberlake, Chris Kirkpatrick, Joey Fatone, Lance Bass e JC Chasez. Su suggerimento del produttore che aveva lanciato i Backstreet Boys, la band ha iniziato ad esibirsi in Europa, riscuotendo un grande successo. Altrettanto non si può dire negli Stati Uniti, dove la celebrità è arrivata solo nel 1998.

    È questo l’anno d’esordio del loro primo album in studio, “’NSYNC”, contenente grandi hits quali “Tearin’ Up My Heart” e “I Want You Back”. Il gruppo ha fatto innamorare milioni di ragazzine in tutto il mondo, e i successivi due album hanno accresciuto la loro popolarità.

    Verso la fine del 2002, gli ‘N Sync decidono di sciogliersi. Justin Timberlake ha ottenuto un successo incredibile come solista. JC Chasez ha continuato ad incidere album e poi è diventato produttore. Joey Fatone ha recitato in alcuni film, tra cui “Il mio grosso grasso matrimonio greco”. Chris Kirkpatrick ha lavorato in televisione e poi ha intrapreso la carriera di doppiatore. Lance Bass è diventato produttore televisivo.

    I Boyzone

    boyzone
    FOTO | Instagram

    I Boyzone sono una boy-band irlandese che si è formata nel 1995. Composta da Ronan Keating, Mickey Graham, Keith Duffy, Shane Lynch e Stephen Gately, la band ha raggiunto il successo già con il suo album d’esordio. Tra i brani più amati dai fan, ricordiamo “All That I Need” e “No Matter What”.

    Nel 1998 il gruppo si scioglie e ciascuno intraprende la carriera solista. Ronan Keating, in particolare, ha avuto un incredibile successo con il singolo “When You Say Nothing At All”. Nel 2007, l’attesissima reunion e pochi anni dopo il nuovo album dei Boyzone.

    Nel 2009, improvvisamente, Stephen Gately è morto per edema polmonare. I suoi compagni hanno deciso di omaggiarlo in grande stile. I Boyzone sono tutt’oggi in attività, sebbene ciascuno continui la sua carriera.

    I Take That

    take that
    FOTO | Instagram

    Nel 1990 a Manchester è nata una delle boy-band in assoluto più amate di sempre: i Take That. Il gruppo era formato da Gary Barlow, Robbie Williams, Howard Donald, Mark Owen e Jason Orange. Insieme, questi cinque ragazzi hanno scalato le vette di tutte le classifiche europee e non solo. I primi riscontri dal pubblico sono arrivati con l’album d’esordio “Take That & Party”, uscito in contemporanea al quarto singolo “It Only Takes a Minute”.

    Ma il vero successo è stato raggiunto dal secondo lavoro in studio, “Everything Changes”. Nel 1995 Robbie Williams ha deciso di intraprendere la sua fortunatissima carriera da solista. Pochi mesi dopo gli altri membri del gruppo hanno seguito le sue tracce, sciogliendo la band.

    Una prima reunion dei Take That si è avuta nel 2005, senza la partecipazione di Robbie Williams. Quest’ultimo ha deciso di tornare con il gruppo solo nel 2010, per la gioia di milioni di fan in tutto il mondo. Purtroppo la collaborazione tra l’artista – ormai divenuto famoso come solista – e la band è durata solo un anno.

    Nel 2014 anche Jason Orange ha lasciato i Take That, decidendo di abbandonare il mondo dello spettacolo. Il gruppo, formato oggi da soli tre membri, è ancora in attività: nel 2017 è uscito l’album “Wonderland”, l’ottavo disco in studio della band.

    I Ragazzi Italiani

    SANREMO '97
    FOTO | Ansa

    Anche in Italia abbiamo avuto qualche boy-band: è il caso ad esempio dei Ragazzi Italiani. Il gruppo è nato nel 1994 con l’unione di sette cantanti romani: Max Petrassi, Pino Beccaria, Alessandro La Rocca, Manolo Bernardo, Fabrizio Crociani, Matteo Murgia e Attilio Fontana. La band è comparsa spesso in televisione, ospite a diverse trasmissioni – tra cui “Amici di Maria De Filippi”.

    Il successo è arrivato nel 1997, quando i Ragazzi Italiani hanno partecipato al Festival di Sanremo con il brano “Vero Amore”. Pian piano i vari membri hanno deciso di abbandonare la band, fino al suo scioglimento naturale. Della maggior parte di loro non si è avuta più alcuna notizia. Attilio Fontana ha partecipato a “Tale e Quale Show”, vincendo la terza edizione.