Margareth Madè confessa: Mia figlia non dovrà dipendere da nessuno

La splendida Margareth Madè si racconta sulle pagine del settimanale Grazia assieme al marito Giuseppe Zeno. I due neogenitori hanno presentato la figlia Angelica, rivelando la grande emozione che provano ogni giorno da quando la piccola è nata.

da , il

    Margareth Madè confessa: Mia figlia non dovrà dipendere da nessuno

    Margareth Madè presenta la figlia Angelica, a poche settimane dalla sua nascita. Assieme al marito Giuseppe Zeno, la neomamma mostra al pubblico la grande gioia di aver dato alla luce la sua primogenita. La donna ripercorre brevemente anche la sua infanzia, ricca di sofferenze ma anche di tanto amore. Infine Margareth Madè dice la sua sulle vicende riguardanti le molestie sessuali.

    Margareth Madè presenta la piccola Angelica

    Special Thanks to @grazia_it @fabio_lovino_ @elenaghidiniego @giorgioarmani

    A post shared by margarethmade (@margarethmade) on

    In una bellissima intervista al settimanale Grazia, l’attrice Margareth Madè e suo marito Giuseppe Zeno raccontano l’esperienza da neogenitori. La loro piccola Angelica è nata lo scorso 8 novembre 2017, regalando un’emozione unica a mamma e papà.

    Margareth oggi rivela: “Vorrei che mia figlia diventasse una donna sicura. Una che non ha bisogno di dipendere da niente e da nessuno. Soprattutto affettivamente. Io so cosa vuol dire ed è bruttissimo. Sono cresciuta senza un padre e sono diventata un’adolescente e una donna molto spaventata, insicura davanti all’amore”.

    L’attrice ha avuto un’infanzia non propriamente serena, e si augura che per la sua bambina sia molto diverso. “Sono stata amata, ma anche ferita. Ma sono stati dolori utili: mi hanno mostrato le mie fragilità, mi hanno obbligato a capirle e affrontarle. Sono state anche tappe molto curative”.

    Papà Giuseppe Zeno, dal suo canto, ha riscoperto una nuova passione per il suo lavoro di attore da quando è venuta al mondo la sua piccola. “Credevo che non la sua nascita il lavoro diventasse meno importante. E invece no. Si è solo trasformato, di colpo: non è più solo appagamento, realizzazione. È responsabilità. Un dovere verso la mia famiglia”.

    Margareth Madè sulle molestie sessuali

    Capitolo a parte le dichiarazioni della Madè sugli abusi sessuali subiti da decine di attrici. “Per me Tornatore è come un padre. Una persona unica. Un gran signore” – spiega Margareth in merito alle accuse che hanno colpito il regista italiano.

    Sul caso Weinstein è sicuramente più dura: “Posso dirle che ho conosciuto il produttore Harvey Weinstein e l’ho trovato sgradevole, tutto qui”. Infine preferisce sospendere il giudizio sulle altre vicende: “Penso sia troppo presto per avere un’idea chiara dei fatti, sono questioni molto delicate”.

    Margareth Madè e Giuseppe Zeno, le foto della coppia