Nanni Moretti confessa: Ho avuto un secondo tumore

Nanni Moretti ha stupito tutti sul palco della Festa del Cinema di Roma. Prima spettatore, poi attore e regista, infine produttore: Moretti ripercorre i suoi 40 anni di carriera e conclude il suo toccante colloquio con la storia della sua malattia: qualche anno fa ha avuto un nuovo tumore, ma lo ha affrontato e ne è uscito vincitore.

da , il

    Nanni Moretti confessa: Ho avuto un secondo tumore

    Nanni Moretti confessa: Ho avuto un secondo tumore. Tutti i presenti alla Festa del Cinema di Roma si aspettavano grandi sorprese, dall’incontro con Nanni Moretti. Da eclettico personaggio del mondo del cinema, ha sempre avuto grandi capacità nello stupire il pubblico. Questa volta lo ha fatto in maniera drammatica. Raccontando la sua carriera, si è brevemente soffermato anche sulla sua lotta contro il cancro, che lo ha colpito di nuovo alcuni anni fa.

    Nanni Moretti, la rivelazione sul secondo tumore

    Sul palco dell’Auditorium Parco della Musica, a Roma, il regista Nanni Moretti ha tenuto incantato il pubblico per più di un’ora e mezzo. Ha raccontato i suoi esordi nel mondo del cinema, quando da giovanissimo era ancora indeciso se fare l’attore o il regista ed è finito per fare entrambi. Poi è passato alla produzione, ormai 30 anni fa, con i film “Notte Italiana” di Mazzacurati e “Domani Accadrà” di Luchetti.

    Oggi Nanni Moretti gestisce anche un cinema, il Nuovo Sacher, di cui è particolarmente orgorglioso. In tutto questo, 20 anni fa ha combattuto contro un tumore, il linfoma di Hodgkin. La sua battaglia è stata ripresa in “Caro Diario”.

    In conclusione della sua lunghissima intervista, il regista ci regala una piccola perla. Si tratta di un corto inedito, “Autobiografia dell’uomo mascherato”. Solo 8 minuti del suo ultimo lavoro, che sta ancora montando, ma sono stati sufficienti a commuovere il pubblico.

    La scena si apre con Moretti che, indossando sul volto una maschera bianca traforata, passeggia tranquillamente per le vie di Roma, sul lungotevere. “I romani sono abituati all’uomo mascherato e non si voltano più, non fa loro impressione” – racconta la voce del regista.

    Poi le immagini passano al Nuovo Sacher, e quindi alla rassegna per il concorso Bimbi Belli. “Proprio come me, l’uomo mascherato ha un cinema e una sala arena”. Infine la toccante scena in cui si sottopone alla radioterapia. Nanni Moretti svela così di aver avuto una ricaduta.

    “Ero io, non l’avevate capito? E siccome dopo vent’anni da un’altra parte ho avuto un altro tumore e penso che si possa filmare non tutto ma quasi tutto, ho filmato una delle tante sedute di radioterapia”. Sul palco, il regista si alza in piedi e piega le braccia a mostrare i muscoli. Un chiaro segnale: “sono ancora qui, sono forte e posso superare tutto questo” – sembra dire.

    Tutto ciò è accaduto qualche anno fa, e oggi Nanni Moretti non esita a rivelare i suoi timori e le sue angosce. Lo fa come meglio riesce: riversando tutto su pellicola. Il pubblico presente all’Auditorium ha accolto questa sua confessione con un caldissimo applauso, ricco di commozione.