Sanremo 2018: nessuna squalifica, Fabrizio Moro ed Ermal Meta restano in gara

Per il momento, Fabrizio Moro ed Ermal Meta rimangono in gara al Festival di Sanremo 2018 con il loro brano “Non mi avete fatto niente”. È questo il verdetto dei vertici Rai, che si riservano di valutare ulteriormente la questione. Ma la canzone non è un plagio.

da , il

    Sanremo 2018: nessuna squalifica, Fabrizio Moro ed Ermal Meta restano in gara

    Fabrizio Moro ed Ermal Meta rimangono in gara al Festival di Sanremo 2018: il loro brano “Non mi avete fatto niente” non è infatti stato considerato un plagio. Nelle ore successive alla presentazione della canzone sul palco dell’Ariston, si era scatenata la polemica. Il pezzo assomiglia infatti notevolmente a “Silenzio”, brano portato a Sanremo Giovani 2016 da Ambra Calvani e Gabriele De Pascali. La Rai sta analizzando la vicenda, e il primo verdetto scagiona Fabrizio Moro ed Ermal Meta. La coppia potrà proseguire il suo percorso al Festival di Sanremo 2018.

    Fabrizio Moro e Ermal Meta: “Non è plagio”

    I vertici Rai fanno sapere che Fabrizio Moro ed Ermal Meta, con il loro brano “Non mi avete fatto niente” proposto nel corso della prima serata del Festival di Sanremo 2018, non vengono squalificati. “Non è plagio, per ora restano in gara, stiamo valutando”.

    La canzone infatti, come era già stato annunciato ben prima che nascesse la polemica, nasce dal ritornello di “Silenzio”. I due brani si somigliano notevolmente, ma l’accusa di plagio decade dal momento che l’autore di entrambi i pezzi è Andrea Febo.

    Il problema si sposta su un altro versante: al Festival di Sanremo possono partecipare solo brani inediti. Il regolamento prevede però la possibilità di campionare o usare stralci di altre canzoni, per un totale non superiore ad un terzo. La questione è dunque spinosa, e la Rai si riserva la possibilità di effettuare ulteriori valutazioni.

    Festival di Sanremo 2018, l'arrivo dei cantanti al Teatro Ariston, le foto