Sanremo 2018: Pierfrancesco Favino, è polemica per la battuta su Conchita Wurst

Durante la terza serata del Festival di Sanremo 2018, Pierfrancesco Favino si è esibito in una divertentissima gag in cui ha vestito i panni di Steve Jobs, il celebre fondatore della Apple. Ma è incappato in una battuta che non tutti i telespettatori hanno apprezzato.

da , il

    Sanremo 2018: Pierfrancesco Favino, è polemica per la battuta su Conchita Wurst

    Pierfrancesco Favino è finito al centro della polemica per la battuta su Conchita Wurst. Il conduttore del Festival di Sanremo 2018 ha trascinato il pubblico dell’Ariston con una simpatica gag sul compianto personaggio di Steve Jobs. Ma Pierfrancesco Favino ha fatto un passo falso, che gli è costato alcune critiche sui social. Si tratta di una battuta su Conchita Wurst, cantante transgender.

    Pierfrancesco Favino, le accuse di omofobia

    Pierfrancesco Favino, sfoggiando un inglese da far invidia, ha interpretato un simpatico siparietto in cui, imitando Steve Jobs, ha finto di lanciare in anteprima un nuovo prodotto tecnologico. Ma una battuta ha lasciato l’amaro in bocca a molti telespettatori, come possiamo notare dai commenti sui social.

    “Scusate ma la battuta su Conchita Wurst era vergognosa” – è sbottato un utente su Twitter. “Favino, chiedi scusa” – ha ribattuto qualcun altro. Cosa è successo sul palco dell’Ariston, per suscitare tanto clamore? Il conduttore ha mostrato una foto di Conchita Wurst, cantante transgender che ha spopolato all’Eurovision Song Contest.

    “Da quando sono andato all’Eurovision ho scoperto che c’è di peggio” – ha declamato in inglese Favino, cercando un termine di paragone rispetto allo spettacolo del Festival di Sanremo. Gli utenti si sono scatenati sul web accusando il conduttore di omofobia.