Alfonso Signorini contro Barbara D’Urso: Altro che 22% di share

Alfonso Signorini si scaglia contro Barbara D’Urso, togliendosi qualche sassolino dalla scarpa. La conduttrice di recente ha lanciato alcune frecciatine contro la famiglia Rodriguez, ma a quanto pare l’opinionista non ha affatto gradito le sue affermazioni.

Pubblicato da Giulia Sbaffi Lunedì 11 dicembre 2017

Alfonso Signorini contro Barbara D’Urso: Altro che 22% di share
Instagram / foto

Alfonso Signorini ribatte alle dichiarazioni di Barbara D’Urso. Recentemente la conduttrice di Canale 5 si è lasciata andare ad alcune affermazioni piccate dopo il rifiuto della famiglia Rodriguez di partecipare al suo show Domenica Live. Ma Alfonso Signorini non pare aver apprezzato le dichiarazioni di Barbara D’Urso, tanto che ha deciso di ribattere pubblicamente sulle pagine del settimanale Spy. L’opinionista non le manda a dire a Barbara!

Alfonso Signorini contro Barbara D’Urso

Altro che 22% di share, per Domenica Live di Barbara D’Urso. A svelarlo è Alfonso Signorini, che tramite la sua rivista Spy racconta di come la trasmissione di Canale 5 sia partita con un 12% di share, per toccare una punta massima del 18%.

Siamo dunque abbastanza lontani dalla cifra che la D’Urso ha declamato in diretta durante uno dei suoi appuntamenti domenicali. La conduttrice ha agito in risposta ai continui rifiuti di Jeremias e Cecilia Rodriguez a partecipare a Domenica Live.

“Da me vengono fior fiori di artisti con un curriculum di tutto rispetto” – aveva spiegato la Barbarella nazionale. E ancora: “Sono fiera del fatto che la trasmissione che conduco è fatta solo dagli artisti”. Ma Signorini non è della stessa idea: “Se come afferma Barbara D’Urso nel suo programma vanno solo artisti, come mai certi personaggi non si sono mai visti da lei?”.

La diatriba tra i due potrebbe proseguire sui social o sulle riviste di gossip, dal momento che Domenica Live è appena andata in pausa natalizia. La conduttrice tornerà con il suo talk show del fine settimana solo il prossimo gennaio 2018.

Vedi anche: