Allison Mack e la setta delle schiave sessuali, si allunga la lista delle attrici coinvolte

Soffiano venti di bufera sulla star di Smallville, coinvolta in uno scandalo dalle proporzioni crescenti. Ora, a distanza di pochi passi da quello che sembrerebbe un arresto imminente, arrivano nuove indiscrezioni: altri volti noti di Hollywood sarebbero invischiati nella torbida vicenda.

Pubblicato da Giovanna Tedde Giovedì 19 aprile 2018

Allison Mack e la setta delle schiave sessuali, si allunga la lista delle attrici coinvolte

Si parla con crescente insistenza dell’imminente arresto di Allison Mack, dopo lo scandalo della setta delle schiave sessuali. La lista delle attrici coinvolte si allunga ulteriormente, e tremerebbero altri volti noti di Hollywood. Tempi duri per la star di Smallville e per altre colleghe che potrebbero finire a capofitto nell’inchiesta: ecco gli ultimi sviluppi della vicenda.

L’FBI indaga sulla setta delle schiave sessuali

Le indagini sul coinvolgimento dell’attrice Allison Mack nel caso della setta delle schiave sessuali si arricchiscono di ulteriori nomi.
L’FBI lavora sodo per ricostruire il controverso perimetro dell’organizzazione NXIVM (‘Nexium’), in cui si sarebbe innestata la setta DOS (‘Dominos Obsequious Sororium’, cioè ‘Signori delle donne schiave’).
Oltre al nome di punta della star della serie tv Smallville sono emersi quelli di altri pezzi grossi di Hollywood. Montano le ipotesi dell’imminente arresto dell’interprete di Chloe Sullivan, dopo l’arresto del fondatore Keith Raniere.
All’attrice si contesta un ruolo dominante nella vicenda, ma non solo: avrebbe preso lei le redini della setta dopo il fermo del guru.

Scandalo NXIVM: altre attrici sarebbero coinvolte

L’esistenza della setta DOS, sorta in seno alla NXIVM era venuta a galla con un ‘inchiesta del New York Times. Raniere avrebbe reclutato donne bellissime, famosissime e ricche da far entrare in un gruppo di ‘sorellanza’ per difendere il mondo dalle insidie del maligno.
Un rito di iniziazione le avrebbe accompagnate nel vortice della schiavitù, psichica, fisica e sessuale in senso stretto. Il sedicente guru avrebbe costretto decine di donne a mansioni degradanti, a un’alimentazione scarsissima e a prestazioni sessuali perverse.
Non ultimo, avrebbe imposto sulle ‘sorelle’ un inqeuivocabile marchio a fuoco.
Allison Mack è accusata di aver strumentalizzato la sua fama per fini illeciti, tra cui il reclutamento di un numero sempre maggiore di adepte. Stesso ruolo avrebbero avuto altre donne note del jet set.
Compaiono i nomi di Linda Evans, Nicki Clyne e Kristin Kreuk. Le star di Dinasty, Battlestar Galactica e l’interprete di Lana Lang in Smallville avrebbero concorso all’ampliamento della setta, le ultime due con un attivo coinvolgimento come reclutatrici.
La Clyne avrebbe addirittura smesso i panni dell’attrice su espresso ordine di Vanguard (alias del guru), sottomettendosi ai voleri sessuali di lui e della piiù stretta collaboratrice, Allison Mack.
Un asservimento tale da indurla a farsi marchiare le iniziali dei suoi ‘padroni’ sul pube. Nega ogni addebito Kristin Kreuk, mentre la posizione di Grace Park risulta ancora avvolta nei contorni dell’incertezza, malgrado le tiepide smentite di un suo ruolo nella scabrosa vicenda.