Carlo e Lady Diana: la frase che mandò in frantumi il matrimonio

Il principe avrebbe pronunciato poche parole, ma decisive per decretare il definitivo naufragio delle nozze con Lady D. Il loro rapporto, da tempo alla deriva, non avrebbe retto al peso di una particolare affermazione dell'erede al trono.

Pubblicato da Giovanna Tedde Giovedì 6 settembre 2018

Carlo e Lady Diana: la frase che mandò in frantumi il matrimonio
Foto: Ansa

Sarebbe bastata una sola frase per mandare in frantumi il matrimonio del principe Carlo e Lady Diana Spencer. Proprio l’erede al trono d’Inghilterra, non pago dell’irriverente infedeltà nei confronti della moglie, avrebbe detto qualcosa capace di destabilizzare per sempre gli equilibri di un rapporto da tempo alla deriva. Tutto poco dopo la nascita di Harry.

La frase del principe Carlo

Poche parole ma talmente pregnanti da aver inciso in modo irreversibile sull’unione di Carlo e Diana. Dopo il clamore sulla presunta figlia della principessa, a 21 anni dall’inferno parigino dell’Alma in cui morì spunta un dettaglio che alcuni ritengono plausibile causa della rottura tra i due.

Rivelazione che riaffiora con forza dalle sabbie di una storia che è parte integrante della corona inglese, e in cui si anniderebbe la peggiore sfumatura dell’erede al trono.

“Oh mio Dio è un maschio”, disse Carlo quando scopri il sesso del secondogenito, il principe Harry. Questo quanto pubblicato da Andrew Morton nella biografia Diana: Her True Story. Fu la stessa principessa del Galles a parlarne timidamente alla stampa, nel corso di un’intervista del 1991 in cui aveva scelto di smascherare le trame del suo ormai ex marito.

Carlo avrebbe anche rincarato la dose di una palpabile infelicità: “Ha anche i capelli rossi”. Ecco spiegato perché, sul sesso del nascituro, la moglie aveva deciso di mantenere il segreto: evitare discussioni con il principe che avrebbe voluto una femmina.
E in seno a questa posizione del consorte si sarebbe innestata la consapevolezza che quell’uomo non era giusto per restare ancora al suo fianco. Di fatto, secondo Morton, proprio l’insensibilità mostrata dal principe in quella occasione avrebbe giocato un ruolo determinante nelle pessime sorti delle nozze. Paradossalmente molto più del plateale, reiterato adulterio.