È morta Anna Maria Ferrero, l’attrice che lavorò con Monicelli e Gassman

Nelle scorse ore si è spenta una grande attrice. Anna Maria Ferrero, 84 anni, lavorò nel cinema italiano – e non solo – per tanti anni, fino al matrimonio con Jean Sorel nel 1962. A quel punto mise da parte la sua carriera cinematografica, per dedicarsi alla famiglia.

da , il

    È morta Anna Maria Ferrero, l’attrice che lavorò con Monicelli e Gassman

    È morta Anna Maria Ferrero, una delle attrici più famose degli anni ’50. La donna aveva 84 anni, e se n’è andata in silenzio a Parigi, città dove viveva da tantissimo tempo assieme a suo marito. A darne notizia è stato proprio l’agente dell’attore francese Jean Sorel, al quale la Ferrero è stata sposata sin dal 1962. L’attrice viene ricordata per la sua prolifica carriera cinematografica: in poco più di dieci anni fu protagonista di tantissimi film di grande successo.

    Anna Maria Ferrero, la carriera

    Nata a Roma il 18 febbraio 1934, Anna Maria Guerra – in arte Ferrero – esordì al cinema da giovanissima. Venne notata per strada da Claudio Gora, quando aveva appena 14 anni. La sua espressione fiera e determinata le valse il suo primo ruolo ne “Il cielo è rosso”, nel 1950.

    Nel corso di poco più di dieci anni, lavorò in tantissime produzioni cinematografiche italiane, e non solo. La sua carriera si spense nel 1964, appena due anni dopo il matrimonio con Jean Sorel. Fu a quel punto che Anna Maria Ferrero, dopo aver girato il suo ultimo film “Controsesso”, decise di dedicarsi alla famiglia.

    In quegli anni si trasferì a Parigi per seguire suo marito. È nella capitale francese che l’attrice trascorse la sua vita da quel momento in avanti, a parte qualche rara puntata in Italia. Anna Maria disse addio a qualsiasi tipo di apparizione pubblica.

    La sua carriera poco più che decennale è stata ricca di grandi successi: l’attrice ebbe modo di lavorare con alcuni dei più grandi nomi del cinema italiano. Tra tutti, ricordiamo Eduardo De Filippo, Michelangelo Antonioni, Mario Monicelli, Vittorio Gassman, Luigi Comencini e Dino Risi.