È morto il rapper Jimmy Wopo, il secondo cantante ucciso in 24 ore

Oggi il mondo del rap americano piange la scomparsa di ben due giovani talenti. Jimmy Wopo è stato ucciso ieri pomeriggio con alcuni colpi di arma da fuoco, mentre si trovava in auto assieme ad un suo amico rimasto ferito.

Pubblicato da Giulia Sbaffi Martedì 19 giugno 2018

È morto il rapper Jimmy Wopo, il secondo cantante ucciso in 24 ore
Instagram / foto

Il giovane rapper Jimmy Wopo, nome d’arte di Travon Smart, è stato ucciso in una sparatoria ieri pomeriggio. Si tratta del secondo musicista americano freddato a colpi di arma da fuoco in meno di 24 ore: sempre ieri è infatti deceduto anche XXXTentacion, promessa dell’hip hop statunitense, dopo essere stato colpito da due uomini armati di pistola.

Jimmy Wopo ucciso a 21 anni

La notizia della tragica uccisione di XXXTentacion è stata seguita, poche ore dopo, da un ulteriore drammatico episodio. Lunedì 18 giugno, nel pomeriggio, è morto un altro giovanissimo rapper americano, Jimmy Wopo. Il ragazzo, di appena 21 anni, è stato ucciso in una sparatoria a Pittsburgh, in Pennsylvania.

Jimmy e un suo amico si trovavano in auto a Middle Hill, un quartiere dell’Hill District, quando qualcuno ha aperto il fuoco su di loro. Per il giovane rapper, i soccorsi sono stati del tutto inutili. Il suo amico, rimasto ferito dallo scontro a fuoco, sembra invece non essere in pericolo di vita.

Attualmente sono in corso le indagini per chiarire la dinamica della sparatoria e per trovare i responsabili. L’avvocato di Jimmy Wopo, Owen Seman, ha rivelato di aver parlato con il suo assistito solo pochi minuti prima che venisse ucciso. Il giovane voleva discutere con lui di un contratto con una grande etichetta rap.