È morto il rapper XXXTentacion, ucciso a colpi di pistola

Il giovanissimo artista statunitense, promessa dell’hip hop, è stato ucciso in Florida da un uomo che gli ha sparato alcuni colpi di pistola. XXXTentacion, prontamente soccorso, è morto mentre veniva trasportato in ospedale.

Pubblicato da Giulia Sbaffi Martedì 19 giugno 2018

È morto il rapper XXXTentacion, ucciso a colpi di pistola
Ansa / foto

Il giovane rapper XXXTentacion, il cui nome all’anagrafe è Jahseh Dwayne Onfroy, è stato ucciso a colpi di pistola ieri pomeriggio. L’artista era considerato un promettente talento nel panorama dell’hip hop americano, e aveva trovato una certa notorietà nell’agosto del 2017 con la pubblicazione del suo primo disco. XXXTentacion, 20 anni, è morto a seguito delle gravi ferite riportate dopo essere stato aggredito da un uomo armato.

XXXTentacion è stato ucciso

Lunedì 18 giugno Jahseh Dwayne Onfroy è rimasto vittima di un’aggressione che gli è stata fatale. Il giovane rapper stava uscendo da un concessionario di moto a Deerfield Beach, in Florida, ed era già a bordo della sua auto quando è stato raggiunto da alcuni proiettili.

Secondo le prime ricostruzioni dello sceriffo della contea di Broward, a sparare sono stati due uomini armati di identità ancora sconosciuta, che dopo aver colpito Jahseh sono fuggiti a bordo di un suv. Al momento le forze dell’ordine ritengono che si sia trattata di una tentata rapina.

Il giovane artista americano è stato prontamente soccorso, ma non ce l’ha fatta: il decesso è avvenuto mentre Onfroy veniva trasportato in ospedale. Il mondo della musica piange questo talento che solo da pochi mesi si era fatto conoscere a livello internazionale.