Elisabetta Canalis: ‘Mi sento giovane, ma sono già alla mia terza vita’

L'ex velina racconta un po' di sé, del suo passato e dei suoi 40 anni: è passato appena un mese dal suo compleanno, ma Elisabetta Canalis non ha ancora realizzato di essere negli 'anta. Ecco che cosa ha confessato.

Pubblicato da Giulia Sbaffi Giovedì 11 ottobre 2018

Elisabetta Canalis: ‘Mi sento giovane, ma sono già alla mia terza vita’
Foto: Instagram

Gli anni passano, ma Elisabetta Canalis è sempre più bella. E non è certo un complimento buttato a caso: basta guardare le sue foto, che regala a decine ai suoi fan su Instagram, per scoprire che i suoi 40 anni non le hanno tolto neanche un filo di fascino. Eppure di acqua sotto i ponti ne è passata tanta, e a svelarlo è proprio Elisabetta Canalis, che si è raccontata a cuore aperto.

Elisabetta Canalis: “Questa è la mia terza vita”

L’ex velina, intervistata dal settimanale Oggi, racconta qualcosa in più sulla sua vita privata. Un mese fa ha compiuto 40 anni, ma ne dimostra molti meno. Il suo segreto? “Io mi sento 27-30 anni e invece sul calendario il tempo passa. Spero di crescere entro i 60. Anche perché sono già alla mia terza vita: la prima in Sardegna, la seconda a Milano, la terza negli Stati Uniti”.

Elisabetta Canalis vive infatti da anni dall’altra parte dell’oceano: “Mio marito Brian – dice – si trasferirebbe in Italia di corsa, ma per lavoro non può farlo. La mia vita ora è lì, Skyler studierà lì. Ma sul futuro abbiamo piani molto chiari: tra 15 anni, torneremo. Non invecchierò negli Stati Uniti, l’Italia è il mio Paese, non potrà mai essere solo un posto dove fare le vacanze. E poi mi ha dato tanto, anche nel lavoro”.

E, a proposito del suo passato lavorativo, la showgirl affronta un tema estremamente delicato, quello delle molestie sessuali. “La mia più grande fortuna è stata incontrare Franchino Tuzio, che è stato il mio agente, appena arrivata a Milano. Mi ha messa in guardia su chi dovevo evitare, mi segnalava gli agenti che portavano le ragazze a cene con direttori di rete, produttori e possibili compromessi.

In base alla mia esperienza, c’è molta più offerta che domanda, è pieno di ragazze che danno per scontato di dover andare a letto con qualcuno per avere un lavoro. Il che significa che se è vero che gli uomini usano il potere per avere donne che altrimenti potrebbero solo sognare, è altrettanto vero che molte ragazze usano la bellezza per portarsi a casa lavori che altrimenti non avrebbero”.