Fabio Rovazzi confessa il suo dramma: ‘Ho periodi di vuoto e di depressione’

Il cantante, alla Festa del Cinema di Roma, si è lasciato andare ad alcune rivelazioni sconvolgenti. Fabio Rovazzi ha confessato di soffrire di momenti di depressione, cui fanno seguito lampi di genio che lo portano a produrre i suoi capolavori.

Pubblicato da Giulia Sbaffi Lunedì 22 ottobre 2018

Fabio Rovazzi confessa il suo dramma: ‘Ho periodi di vuoto e di depressione’
Foto: Instagram

Fabio Rovazzi è uno degli artisti più ammirati degli ultimi anni, ma c’è qualcosa che si cela nelle profondità del suo animo. Il giovane cantante, divenuto famoso grazie alla collaborazione con Fedez e J-Ax, ha ormai spiccato il volo da solo. Nelle scorse ore, ospite alla Festa del Cinema di Roma, Fabio Rovazzi si racconta a tutto tondo, partendo da quella paura che accomuna tutti gli artisti: “perdere il talento”. Ecco che cosa ha rivelato il cantante.

Fabio Rovazzi e la depressione

Nato come youtuber e videomaker, Fabio Rovazzi ha raggiunto il successo al fianco di Fedez e J-Ax. Da diversi mesi la loro collaborazione si è però interrotta: la vena artistica del giovane cantante ha trovato libero sfogo, e ne è l’esempio lampante il suo “Faccio quello che voglio”. Non solo una canzone, ma un vero e proprio cortometraggio in cui mette in luce il timore di tutti i cantanti: quello di perdere il proprio talento.

Nel corso della serata, Fabio Rovazzi si è confessato: “È un tempo in cui non è facile trovare idee originali, da effetto ‘wow’, ogni volta quel qualcosa in più. Ho lunghi periodi di vuoto e depressione, in cui mi chiudo in casa e gioco a ‘Call of Duty’ e non rispondo al telefono, con addosso l’estremo dramma di chi ho intorno, che pensa alla mia carriera breve, ormai finita per sempre.

Poi succede che una notte, dal niente, mi metto a scrivere. Per esempio proprio da questo non avere talento e doverlo rubare è partito l’incipit di quest’ultimo successo, e da quell’incipit tutto il resto: il pezzo, le partecipazioni, il video. Allora, divento velocissimo. Ma ho grossi buchi, estesi periodi senza lampi di luce”. Rovazzi ha rivelato così di soffrire di depressione.

L’artista ha infine lanciato una frecciatina ai suoi ex partner: “Prima davo le idee agli altri. Le scrivevano, e funzionavano tantissimo, e ne giovavano solo loro, loro che avevano saputo interpretare quell’idea. A un certo punto, ho provato a mettermi al centro della mie cose. A diventare proprietario effettivo dei miei contenuti, della mia fortuna”.