Francesca Fagnani su Enrico Mentana: ‘Stiamo insieme dal 2013, ma i fiori me li regalo da sola’

La giornalista che ha rapito il cuore del direttore del TgLa7 parla della loro storia d'amore, nata 5 anni fa. Descrive quella che è la sua relazione più lunga, fatta di attenzioni che non si esprimono negli standard del romanticismo ma che saldano il loro rapporto, giorno per giorno.

Pubblicato da Giovanna Tedde Mercoledì 7 marzo 2018

Francesca Fagnani su Enrico Mentana: ‘Stiamo insieme dal 2013, ma i fiori me li regalo da sola’
Instagram / foto

Francesca Fagnani parla dell’amore per Enrico Mentana: “Stiamo insieme dal 2013, ma i fiori me li regalo da sola”. Con queste parole, in un’intervista al settimanale Oggi, la giornalista che ha stregato il direttore del TgLa7 ha aperto una finestra sul suo cuore e sul rapporto che va avanti da 5 anni. Un amore che non si alimenta di semplice romanticismo ma di piccole attenzioni, giorno per giorno.

Francesca Fagnani ed Enrico Mentana insieme dal 2013

La coppia è uscita allo scoperto nel 2014, durante una vacanza d’amore in Puglia. I due giornalisti, però, stanno insieme da 5 anni, da quando Enrico Mentana ha archiviato il matrimonio con l’ex Miss Italia Michela Rocco di Torrepadula.
Era il 2013, e da allora Francesca Fagnani vive il suo amore con il direttore del TgLa7 giorno per giorno, e lo spiega in una lunga intervista ai microfoni del settimanale Oggi.
Dice che questa è al sua storia d’amore più lunga, e svela anche un piccolo dettaglio che incuriosisce e, al tempo stesso, fotografa la ‘dimensione’ semplice del loro rapporto.

Un amore contro i cliché

“Non è che io sappia bene cosa sia il romanticismo: non ho mai festeggiato un San Valentino, un anniversario… I fiori o me li compro da sola o in quella casa non entrano”, dice la Fagnani.
E in questa affermazione c’è il senso profondo di un amore che si svincola dai cliché, e non ha necessità di fronzoli per nutrirsi, e crescere.
“Io ed Enrico abbiamo, fin dall’inizio del nostro rapporto, delle premure reciproche tutte nostre. Per dire, non rinunciamo mai alla colazione insieme: anche se uno dei due si alza due ore prima, aspetta l’altro. Sono attenzioni, un modo di preservare il rapporto e il piacere di stare insieme e di condividere”.