GF 15, Patrizia Bonetti parla del padre: ‘Non mi ha mai detto brava’

La giovane concorrente del Grande Fratello 15 si sfoga in un momento di tristezza, parlando di suo padre e del loro difficile rapporto. Patrizia Bonetti viene consolata da Luigi Favoloso, con cui è nata una splendida intesa: i social si scatenano.

Pubblicato da Giulia Sbaffi Venerdì 27 aprile 2018

GF 15, Patrizia Bonetti parla del padre: ‘Non mi ha mai detto brava’

Grande Fratello 15, Patrizia Bonetti si sfoga e parla di suo padre, scoppiando in lacrime. La giovane studentessa sta attraversando un momento difficile e ha deciso di non nascondere i suoi sentimenti ai coinquilini con cui condivide questa avventura nella casa più spiata d’Italia. E così, davanti a Luigi Favoloso, si lascia andare ad un lungo sfogo in merito al rapporto che ha con suo padre. Davanti alle telecamere del Grande Fratello 15, Patrizia Bonetti rivela di non essere mai riuscita a conquistare le attenzioni dell’uomo, e di questo ha sempre sofferto molto.

GF 15, lo sfogo di Patrizia Bonetti su suo padre

All’interno della casa del Grande Fratello 15 le polemiche sembrano essere all’ordine del giorno – basti pensare a ciò che è successo nelle scorse ore tra Baye Dame e Aida Nizar! Ma c’è anche chi inizia a lasciarsi andare, aprendosi agli altri concorrenti. È il caso di Patrizia Bonetti, giovane studentessa che ha subito colpito i telespettatori per il suo fascino e un carattere speciale.

Patrizia, dopo essersi confidata nei giorni scorsi in merito alle presunte violenze subite da un suo ex fidanzato, stavolta parla del difficile rapporto con suo padre. “Non ho voglia di uscire per sentirmi insultare da mio padre. Insultarmi è quello che fa da quando sono nata, è l’unica cosa che sa fare” – rivela la giovane con le lacrime agli occhi.

Luigi Favoloso cerca di consolarla, ma lei continua: “Non mi ha mai detto che è orgoglioso di me, non mi ha mai detto che mi vuole bene. Faccio un’università difficilissima, mi sto per laureare, lui non mi ha mai detto brava in tre anni. Quando vado a casa, quelle poche volte che c’è, perché tanto non c’è mai, mi guarda e mi fa ‘Ti posso dire onestamente che averti in casa è orribile? Perché non te ne vai?’ e mi fa un biglietto”.

Inutili i tentativi di Luigi, che le consiglia di lasciar perdere suo padre e di non starci male. Patrizia infatti ha sempre cercato di attirare l’attenzione del papà e di farsi apprezzare da lui: “Ha 73 anni, è una persona con una mentalità molto lineare, chiusa. Io ne soffro tanto, lui mi odia, mi guarda e mi schifa. Sono stata in ospedale ricoverata per sei mesi, non mi è mai venuto a trovare. Lui negli ospedali non ci entra, gli mettono negatività, non gli piacciono vedere le persone deboli”.

Vedi anche: