Lando Buzzanca, la dichiarazione piccante: ‘Ho l’energia di quando avevo 12 anni’

Il celebre attore siciliano Lando Buzzanca, 82 anni, ha confessato in diretta a Pomeriggio Cinque di essere ancora pieno di energia, anche per quanto riguarda la sua vita sessuale. Ecco le dichiarazioni dell’uomo, fidanzato con Francesca di 35 anni più giovane di lui.

Pubblicato da Giulia Sbaffi Venerdì 9 marzo 2018

Lando Buzzanca, la dichiarazione piccante: ‘Ho l’energia di quando avevo 12 anni’
Ansa / foto

Lando Buzzanca rilascia una dichiarazione piccante sulla sua vita sessuale: a 82 anni, ha ancora l’energia che aveva durante l’adolescenza. L’attore siciliano, da sempre un latin lover al cinema e non solo, ha ritrovato da poco l’amore al fianco della compagna Francesca Della Valle. La giornalista, che ha ben 35 anni in meno rispetto a Lando Buzzanca, è al suo fianco ormai da un anno e mezzo. La loro relazione va a gonfie vele, anche dal punto di vista intimo: lo rivela l’attore ai microfoni di Pomeriggio Cinque.

Lando Buzzanca: “Il sesso a 82 anni senza viagra”

Ieri pomeriggio, ospite del salottino di Barbara D’Urso, l’attore Lando Buzzanca e la sua compagna Francesca Della Valle hanno parlato della loro storia d’amore. Si sono conosciuti un anno e mezzo fa, la passione li ha travolti e non si sono più lasciati.

La D’Urso è piacevolmente sorpresa dalla verve dei due innamorati, che sembrano quasi due adolescenti. E ben presto si addentra in alcuni dettagli curiosi: tempo fa Lando aveva dichiarato di avere rapporti sessuali quattro volte a settimana, senza fare utilizzo di viagra.

In studio gli opinionisti si dividono, tra chi pensa che sia davvero impossibile che una cosa del genere possa accadere e chi invece è convinto che ogni uomo sia a sé. A chiudere la questione è Buzzanca, che dichiara: “Si tratta di energia. Ho l’energia di quando avevo 12 anni”.

E per dimostrare che la sua è una fortuna ereditaria, racconta un aneddoto un po’ piccante: “Io avevo un nonno di 104 anni che baciava il seno delle donne, delle vicine di casa che si facevano pagare”. Insomma, buon sangue non mente.