Lynda Carter rivela: ‘Anch’io molestata sul set di Wonder Woman’

L'attrice, celebre volto della Wonder Woman anni '70, svela un retroscena inedito della sua esperienza professionale. Una dichiarazione che pesa come un macigno e si innesta nel già ampio dibattito sulle molestie sessuali nel dorato mondo di Hollywood. E parla anche di un 'buco' nel camerino da cui sarebbe stata spiata.

da , il

    Lynda Carter rivela: ‘Anch’io molestata sul set di Wonder Woman’

    L’attrice Lynda Carter, celebre volto di Wonder Woman, ha confessato di aver subito molestie sul set. Una rivelazione che pesa come un macigno sull’architettura morale di Hollywood, già duramente messa alla prova dallo scandalo Weinstein. La dichiarazione arriva dopo 40 anni di silenzio e si innesta nel dibattito portato avanti dal movimento #MeToo.

    Le accuse di Lynda Carter, ex Wonder Woman

    La Wonder Woman più famosa del mondo, Lynda Carter, ha confessato al Daily Beast di aver subito molestie sessuali, anche sul set della serie cult che l’ha resa celebre, tra il 1975 e il 1979.

    In quell’occasione, rivela la star, un cameraman avrebbe persino fatto un buco nel suo camerino per poterla spiare.

    Sull’onda lunga dello scandalo Weinstein, le sue parole assumono un’eco di proporzioni internazionali e si innestano nel dibattito sul tema, portato avanti con forza dal movimento #MeToo.

    Il sospetto su Bill Cosby

    Gli indizi punterebbero dritti sulla controversa figura di Bill Cosby, invischiato nel vortice di gravissime accuse tra cui quella di stupro. Il sospetto, non confermato dall’attrice 66enne, è alimentato da una sommaria descrizione dell’autore delle molestie fornita dalla star.

    La Carter, infatti, ha descritto l’uomo che l’avrebbe importunata come un personaggio non nuovo a faccende di questo tenore, addirittura accusato da molte altre donne.