MasterChef Italia 7: il vincitore è Simone Scipioni

Simone Scipioni si aggiudica il titolo di settimo MasterChef italiano, vincendo l’edizione 2018 del talent show culinario di Sky Uno. Il giovane ha dovuto sfidare, nella fase finale del programma, la rivale Kateryna. Alla fine ha avuto la meglio grazie al suo menù dal titolo S = MC2.

da , il

    MasterChef Italia 7: il vincitore è Simone Scipioni

    Simone Scipioni è il vincitore di MasterChef Italia 7. Si è appena conclusa la settima edizione del talent show culinario in onda su Sky Uno, che ha visto trionfare il giovane Simone con il suo menù intitolato S = MC2. La puntata finale di MasterChef Italia 2018 si è aperta con i tre giovanissimi concorrenti che si sono guadagnati la giacca bianca: Alberto, Simone e Kateryna. Quest’ultima è subito salita in balconata, vincendo la prova della Mistery Box. L’Invention Test, che prevedeva la preparazione di tre piatti proposti da chef stellati, se lo è invece aggiudicato Simone. Alla fine i giudici Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciolo, Antonia Klugmann e Joe Bastianich hanno assaggiato i piatti dei due sfidanti e hanno decretato il nome del vincitore.

    Simone Scipioni ha vinto MasterChef 2018

    Questa edizione di MasterChef è stata vinta da Simone Scipioni, giovane studente marchigiano di appena 20 anni. Il ragazzo, dopo una lunga e appassionante sfida all’ultimo piatto con Kateryna, è stato nominato settimo MasterChef italiano. Il suo menù dal titolo S = MC2 ha convinto i giudici, riuscendo a combinare con le sue proposte innovazione e tradizione.

    Il menù di Simone era composto da olive all’ascolana ripiene di ciauscolo e pollo su concassé di pomodori alla vaniglia e aneto come entrée; gazpacho di sedano, mela e peperone verde, con tzatziki e vongole affumicate come seconda portata; cappellacci ripieni di melanzane perline con fonduta di parmigiano, olio al basilico e polvere di pomodoro come terzo piatto; petto di quaglia con spinacino, foie gras, salsa olandese e timo come quarta proposta; meliga sbriciolata, mousse di ricotta e burrata, con salsa di pesche in vasocottura al rosmarino come dessert.

    Kateryna invece, con il suo menù intitolato Connubio tra passato e presente, ha presentato crema di topinambur con gamberi rossi affumicati, aceto balsamico e caffè come entrée; temolo con acetosa, brodetto di funghi finferli e salsa al miele di pino come seconda portata; ravioli ripieni di ricotta di pecora e borragine, con scampi e salsa di barbabietola come terzo piatto; rana pescatrice su crema di asparagi, insalata di asparago bianco e crema di crauti rossi come quarta proposta; sorbetto alle mandorle con crumble di mandorle e spuma al lampone come dessert.