Meghan Markle sarà affiancata da una tutor per sei mesi

Lezioni di bon ton per sei mesi: tanto durerà il corso cui la duchessa del Sussex dovrà sottoporsi per diventare, a tutti gli effetti, una donna in linea con le tendenze di corte. Il rigido protocollo non transige: nuova vita, nuove regole.

da , il

    Saranno sei mesi intensi per la moglie del principe Harry, Meghan Markle: al suo fianco una tutor per insegnare alla duchessa del Sussex ogni segreto di bon ton. Una sorta di corso di ‘sopravvivenza’ agli impietosi occhi della regina, che tutto scruta in un’ottica fedelissima al protocollo, almeno per quanto concerne la dimensione pubblica del nuovo membro della Royal Family.

    Meghan Markle: un tutor per sei mesi tra i segreti del bon ton

    La neo consorte del principe Harry, spenti i riflettori sul Royal Wedding che ha fatto sognare il mondo, dovrà aguzzare occhi e orecchie per sei mesi, con lo scopo di imparare tutto sul bon ton reale.

    Un passaggio obbligato, vero rito iniziatico per avviare a tutti gli effetti la sua carriera di rappresentante della Corona nel mondo.

    Per questo, la regina in persona ha scelto di affiancare alla moglie del suo adorato nipote un tutor di assoluto rilievo.

    Si tratta della consigliera ufficiale della sovrana, la 49enne Samantha Cohen, nominata anche segretaria privata ad interim del duca e della duchessa del Sussex.

    La Cohen, infatti, è chiamata a sostituire temporaneamente Edward Lane Fox, segretario privato del principe Harry.

    I primi effetti positivi della presenza della tutor si sarebbero già fatti sentire, forti e chiari, nella prima uscita pubblica degli sposi a margine delle nozze, nel corso della cerimonia di apertura dei festeggiamenti per i 70 anni del principe Carlo.

    Quali regole per la duchessa del Sussex?

    Primo appunto da segnare sul taccuino, per la duchessa, ciò che deve e non deve fare. Doveri e rinunce che la vedranno immersa totalmente nella sua nuova dimensione sociale.

    Le è proibito parlare di politica in pubblico e non può votare. Deve sempre rammentare che è la regina a dare il ritmo ad ogni evento e a scegliere il menù. Al bando crostacei e molluschi (per via dell’allergia di Elisabetta II).

    Niente effusioni spudorate per il decoro reale: no a baci di coppia in pubblico, selfie, autografi.

    Stop anche alle uscite di Meghan Markle in solitaria, per fare shopping o anche una semplice passeggiata. Sarà circondata da un nutrito staff al suo completo servizio.

    Severamente vietati smalti con colori sgargianti o troppo scuri, magliette scollate e shorts. Insomma, una prospettiva senza dubbio ‘astringente’, e c’è chi è pronto a scommettere che l’indipendente e femminista Meghan non stenterà a sottrarsi al giogo…Forse non si accontenterà dell’unica concessione, i collant!