Sandra Milo racconta: ‘Mia figlia Azzurra è nata viva, poi è morta’

L’attrice rivela, tra le lacrime, il drammatico momento della nascita di sua figlia Azzurra. La bambina, venuta al mondo prematuramente, era stata ormai data per morta. Grazie alle cure di una suora, però, Azzurra si è ripresa e Sandra Milo ha potuto stringerla al petto.

Pubblicato da Giulia Sbaffi Lunedì 9 aprile 2018

Sandra Milo racconta: ‘Mia figlia Azzurra è nata viva, poi è morta’
Ansa / foto

Sandra Milo racconta lo straziante momento della nascita di sua figlia Azzurra, morta subito dopo il parto e poi rianimata. Ospite a Domenica Live per festeggiare il suo 85esimo compleanno, l’attrice ha commosso il pubblico con la storia della sua secondogenita Azzurra. La piccola è venuta al mondo al settimo mese di gravidanza, e a causa della sua prematurità ha rischiato di non farcela. Secondo molti, il suo ritorno alla vita è stato un vero e proprio miracolo. Ecco le commoventi parole di Sandra Milo.

Sandra Milo racconta la nascita di Azzurra

Il 5 maggio 1970 è accaduto quello che per molti è senza dubbio un miracolo. Sandra Milo, al settimo mese di gravidanza, ha partorito sua figlia Azzurra gravemente prematura. Ieri, nel corso della puntata di Domenica Live, l’attrice è stata ospite del salottino di Barbara D’Urso per festeggiare il suo compleanno e ha ripercorso quei drammatici momenti.

“Azzurra è nata viva e poi è morta, hanno fatto di tutto per rianimarla. È stata una cosa drammaticissima. Poi venne Suor Costantina e disse ‘Professore, mi dà la bambina?’. Lei era già tutta impacchettata dentro una copertina, era un cadaverino, pesava 700 gr. La suora se la strinse al petto e cominciò a pregare” – ha raccontato la Milo.

La piccola, grazie all’intervento di Suor Costantina, si è riaffacciata alla vita. Un vero miracolo, come ha spiegato Sandra Milo ai microfoni di Canale 5, con le lacrime agli occhi. L’attrice ha poi parlato anche del terribile scherzo telefonico di cui è stata vittima molti anni fa. Qualcuno le aveva telefonato per riferirle di un grave incidente in cui sarebbe rimasto coinvolto suo figlio Ciro, a seguito del quale sarebbe stato ricoverato in fin di vita in ospedale.

Non si è mai scoperto chi fosse l’autore di quel gesto: “A Roma, in via del Corso, c’erano degli uffici da cui è partita la telefonata, erano 26 donne e tutte negarono” – ha rivelato Sandra Milo. Suo figlio Ciro, presente in studio, ha aggiunto: “Io l’ho saputo praticamente la sera, quando sono tornata a casa, non c’erano telefonini per avvertire se stavi bene o meno”.

Vedi anche: