Sanremo 2018, Noemi denunciata per oltraggio a pubblico ufficiale

Dopo l’incidente occorso sul palco dell’Ariston durante la prima serata del Festival di Sanremo 2018, le misure di sicurezza sono state intensificate. Noemi vi è incappata mentre tentava di entrare dalla porta sbagliata e, ripresa da una guardia, è sbottata in un insulto.

Pubblicato da Giulia Sbaffi Giovedì 8 febbraio 2018

Sanremo 2018, Noemi denunciata per oltraggio a pubblico ufficiale
Ansa / foto

Noemi insulta un poliziotto al Festival di Sanremo 2018 e viene denunciata per oltraggio a pubblico ufficiale. L’aria si è fatta più tesa, al teatro dell’Ariston, e le misure di sicurezza sono state implementate nelle ultime ore. Tanto che anche i vip in gara al Festival di Sanremo 2018 vengono accuratamente controllati prima di ogni ingresso. In queste ore è arrivata la notizia che la cantante Noemi ha avuto un piccolo incidente di percorso, che l’ha portata ad insultare un agente di polizia e a venirne denunciata.

Noemi denunciata, ecco cosa è successo

Veronica Scopelliti, in arte Noemi, ha scoperto a sue spese come le misure di sicurezza al Festival di Sanremo siano state intensificate dopo l’irruzione sul palco avvenuta la prima serata, durante il monologo iniziale di Fiorello. La cantante, martedì sera, stava cercando di entrare al teatro dell’Ariston dal verso sbagliato, ovvero da una porta predisposta per l’uscita. Per di più era senza pass.

Un agente di polizia di guardia le ha fatto notare l’errore e le ha chiesto di fare un giro più lungo per entrare dalla porta adibita all’ingresso. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, Noemi avrebbe risposto per le rime al poliziotto, fin quando non è stata costretta a cedere.

Ed è stato in quel momento che è sbottata in un insulto all’agente della security: “Ma guarda che co***one” – avrebbe commentato ad alta voce la cantante. Il poliziotto, trovati alcuni testimoni dell’accaduto, ha fermato Noemi per l’identificazione e infine ha sporto denuncia per oltraggio a pubblico ufficiale.

Vedi anche: