Serena Grandi sull’accusa di spaccio: ‘Serviva un nome importante’

Diversi anni fa Serena Grandi è rimasta invischiata in un caso di droga che ha suscitato grande clamore. L’attrice è stata detenuta ingiustamente e poi ha ricevuto un risarcimento. Oggi svela alcuni retroscena di quell’episodio che l’ha vista coinvolta.

da , il

    Serena Grandi sull’accusa di spaccio: ‘Serviva un nome importante’

    Serena Grandi parla del suo coinvolgimento in un caso di spaccio di cocaina, che l’ha portata a subire un’ingiusta detenzione. L’attrice, recentemente tornata sulla cresta dell’onda per aver partecipato al Grande Fratello Vip 2, rivela alcuni retroscena della sua vita privata, come ad esempio il grave episodio di alcuni anni fa che l’hanno vista accusata ingiustamente per spaccio di droga. Ecco che cosa racconta Serena Grandi in riferimento a quel difficile momento della sua vita.

    Serena Grandi racconta della sua accusa per spaccio di droga

    Domani sera, venerdì 6 aprile, Serena Grandi sarà ospite del salottino di Peter Gomez a La Confessione, in onda su Nove. L’attrice de La grande bellezza racconta alcuni episodi della sua vita privata, e in particolare si concentra sul caso di droga in cui è rimasta invischiata.

    “La droga? Sono le stronzate degli anni ’80, oggi non va nemmeno di moda. Chi non ha fatto uso di cocaina?” – confessa l’attrice in apertura. Nel 2003 Serena Grandi è finita al centro di un’inchiesta della Procura di Roma in merito ad un caso di spaccio di cocaina.

    “Il caso di droga in cui sono stata invischiata? Ci voleva un nome importante” – racconta Serena. “Mi hanno messa in mezzo”. E poi ricorda l’arrivo delle forze dell’ordine a casa sua: “All’alba me li sono trovati in borghese in camera da letto e gli ho dato le chiavi della cassaforte dove c’erano i gioielli, dicendogli di non farmi del male. Credevo fossero banditi, invece erano poliziotti in cerca di droga”.

    A seguito delle accuse di spaccio di cocaina, l’attrice è stata posta agli arresti domiciliari. Poi, con il procedere delle indagini, la Grandi è stata risarcita con 60mila euro per ingiusta detenzione.