Simone Scipioni di MasterChef 7, chi è lo studente che ha conquistato i giudici

Il vincitore della settima edizione di MasterChef Italia è il giovanissimo Simone Scipioni, classe 1996, che ha conquistato i giudici con la sua cucina decisamente tradizionale. Scopriamo qualcosa in più sullo studente marchigiano che si è aggiudicato il titolo di settimo MasterChef italiano.

da , il

    Masterchef, Simone vince la settima edizione italiana
    FOTO | Ansa

    Simone Scipioni ha vinto MasterChef Italia 7: scopriamo chi è il giovane studente che ha convinto i giudici di questa edizione del talent show di cucina di Sky Uno. La prova finale del format, quest’anno, ha visto confrontarsi due concorrenti davvero molto bravi, ma diversissimi tra loro. Simone e Kateryna sono riusciti a stupire i giudici Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo, Antonia Klugmann e Joe Bastianich, ma solo uno dei due ha avuto quel qualcosa in più che gli ha permesso di aggiudicarsi la vittoria a MasterChef Italia 7.

    Simone Scipioni, la sua storia

    simone masterchef
    FOTO | Instagram

    Poco più di vent’anni, baffetti alla Rovazzi e sguardo profondo: Simone Scipioni, classe 1996, ha saputo dare davvero tutto se stesso per arrivare alla vittoria a MasterChef Italia 7. Nato a Civitanova Marche, abita a Montecosaro, in provincia di Macerata. Il ragazzo ha sempre vissuto con sua sorella Roberta e con la nonna, dal momento che i suoi genitori sono morti quando lui era ancora piccolo. Ora se ne sta tutto solo nella sua casetta a Monteco’ – come chiama il suo paese – in compagnia del cane Rocher. Simone studia Scienze dell’Alimentazione e Gastronomia, un corso universitario che gli ha permesso di approfondire la sua passione per la cucina, nata da piccolissimo.

    La sua passione per la cucina

    simone masterchef4
    FOTO | Instagram

    Simone è un autodidatta, come ha più volte affermato. Ha imparato a cucinare osservando sua nonna: quando l’ha vista, affascinato, tirare la pasta con il mattarello ha deciso che da grande avrebbe voluto fare lo chef. Non ha mai seguito corsi di cucina, né si è mai affidato a qualche manuale o ricettario. Ama sperimentare, ma anche rimanere legato alle tradizioni italiane, e più specificatamente a quelle marchigiane. La sua è una cucina grezza e casereccia, come lui stesso adora dire.

    I piatti migliori di Simone

    simone masterchef5
    FOTO | Instagram

    Nel corso di questa edizione di MasterChef Italia, abbiamo conosciuto un Simone timido e ombroso, cosa che ha spesso portato nei suoi piatti. Ma con il trascorrere del tempo nella masterclass, il ragazzo è riuscito a tirar fuori molto di più. Nella cucina di Sky Uno ha presentato portate innovative, ricche di idee originali e molto apprezzate. Ma la sua vera passione è la tradizione: ecco perché preferisce tuffarsi nella preparazione dei vincisgrassi, una tipica ricetta marchigiana molto simile alle lasagne bolognesi, ma con un sugo più ricco. E sono stati proprio la sua semplicità e il suo voler rimanere legato alle tradizioni a portarlo alla vittoria. Il menù che ha cucinato per i giudici era il giusto mix tra innovazione e classicità.

    L’esperienza a MasterChef

    simone masterchef 6
    FOTO | Instagram

    I tre mesi che Simone ha passato nella cucina di MasterChef sono stati di gran lunga quelli che gli hanno dato di più, in termini di apprendimento. Dietro i fornelli, il giovane studente ha imparato non solo l’utilizzo di molte nuove tecniche e molti nuovi ingredienti, ma anche – e soprattutto – un nuovo modo di guardare a sé stesso e al mondo che lo circonda. Ad ogni puntata lo abbiamo visto crescere sempre di più, fare enormi passi avanti, e anche se talvolta gli è capitato di inciampare ha saputo sempre rialzarsi.

    Il rapporto con i giudici

    simone masterchef3
    FOTO | Instagram

    Già dal primo incontro con i giudici, Simone ha dimostrato il suo talento e il suo grande amore per la cucina. In poco tempo, tutti hanno capito la vera indole del ragazzo: nonostante i suoi vent’anni, era forse il più “anziano” della cucina, tanto da guadagnarsi il soprannome “giovane vecchio”. In un primo momento, Simone si è trovato più a suo agio con Antonia Klugmann e con Bruno Barbieri, mentre ha confessato di aver avuto difficoltà a trovare un punto di contatto con Antonino Cannavacciuolo. Ma alla fine il giovane ha fatto colpo su tutti, anche sull’internazionale Joe Bastianich – proprio Simone, che non ha mai lasciato il suo paesello!

    Il menù della vittoria

    simone masterchef2
    FOTO | Instagram

    Per la sfida finale contro Kateryna, il ragazzo si è affidato alla semplicità e alla tradizione. Il suo menù si intitolava S = MC2, dove la S sta per Simone e MC sta sia per MasterChef che per Montecosaro (quindi MC al quadrato). I suoi piatti, dai nomi originali e molto simpatici, hanno conquistato il palato dei giudici. Le olive ascolane presentate come entrée in realtà non sono state un grandissimo successo, ma ha recuperato il terreno perduto con i piatti seguenti: “guarda come vongolo”, un gazpacho con vongole affumicate; “Il cappellaccio matto”, pasta fresca ripiena di melanzane con fonduta di parmigiano e “voulez vous quaglier avec moi?”, petto di quaglia con foie gras. Il dessert non ha soddisfatto appieno i giudici, ma nell’insieme le sue ricette lo hanno condotto alla vittoria.

    I progetti futuri

    simone masterchef 7
    FOTO | Instagram

    Ora che si è aggiudicato il titolo di settimo MasterChef italiano, che cosa ha intenzione di fare Simone? Scherzando, il ragazzo ha dichiarato di essere pronto a diventare patrono di Montecosaro, ma il sindaco purtroppo gli ha negato tale piacere: si dovrà accontentare di una targa. Come prima cosa, tornato a casa, sogna un bel brodo con il dado, giusto per stare finalmente un po’ lontano dai fornelli. Simone ha deciso anche di interrompere momentaneamente gli studi all’Università, per dedicarsi interamente alla cucina. Il suo obiettivo è quello di imparare e fare esperienza sul campo, fino ad arrivare ad aprire un ristorante tutto suo – naturalmente a Montecosaro!