Sonia Bruganelli, la dichiarazione che spiazza: ‘La fedeltà fisica è innaturale’

Non smette di far discutere la moglie del conduttore Paolo Bonolis, reduce da un anno carico in termini di polemiche e critiche sui social. Stavolta, a far discutere, è un suo preciso punto di vista sul rapporto di coppia.

da , il

    Sonia Bruganelli, la dichiarazione che spiazza: ‘La fedeltà fisica è innaturale’

    Sonia Bruganelli spiazza tutti: secondo la moglie di Bonolis, la fedeltà fisica è una cosa innaturale. Non smette di stupire e continua a esporre il suo pensiero, spesso contro il plauso dei social che non sono stati parsimoniosi in termini di critiche e appunti polemici. Nell’intervista rilasciata a Dagospia ha parlato di rapporti di coppia e…

    Sonia Bruganelli: il pensiero sulla coppia accende la curiosità

    Dopo essere finita, a più riprese, nel calderone delle critiche social per la presunta ostentazione della sua ricchezza, Sonia Bruganelli continua a far discutere.

    Ultima, in ordine di tempo, la sua dichiarazione ai microfoni di Dagospia, in cui precisa un punto di vista particolare sulla fedeltà di coppia.

    La moglie di Paolo Bonolis non le manda a dire: “La fedeltà fisica, pur perseguendola, è qualcosa di innaturale. Non siamo nati per resistere alle tentazioni e ai piaceri del corpo. È un sentimento complesso, nobile, che appartiene all’anima. Come si può rimanere fedeli? Bisogna avere un progetto comune, nel mio caso i figli, una famiglia”.

    Crisi con Paolo Bonolis?

    La verità, per quanti intravedevano un alone di crisi tra lei e il marito in quelle parole, è che non ci sarebbe alcun riferimento alla storia d’amore tra Bruganelli e Bonolis.

    Niente a che vedere, dunque, con il matrimonio felice dei due, nonostante le intemperanze social che scatenato il caos da parte della bella mogliettina del conduttore.

    La signora Bonolis poi precisa che “è importante anche ritagliarsi degli spazi di libertà, aprire varchi di autonomia in cui il proprio partner non interviene. Io credo che sia un atto di civiltà dormire anche in camere separate”.