Vittorio Feltri racconta il dramma della scomparsa di sua moglie: ‘È morta di parto’

C'è stato un momento di grande commozione, nel corso dell'ultima puntata di Le parole della settimana. Il giornalista Vittorio Feltri, ospite di Massimo Gramellini, ha raccontato la tragica morte di sua moglie, che se n'è andata a causa di complicazioni dopo il parto.

Pubblicato da Giulia Sbaffi Lunedì 29 ottobre 2018

Vittorio Feltri racconta il dramma della scomparsa di sua moglie: ‘È morta di parto’

La tragica storia di Vittorio Feltri ha commosso il pubblico: sua moglie è morta quando aveva appena 24 anni, a causa di un problema che ha fatto seguito al parto. Il direttore di Libero ha rilasciato una toccante intervista durante la trasmissione Le parole della settimana, condotta su Rai3 da Massimo Gramellini. Durante la loro chiacchierata, Vittorio Feltri si è lasciato andare ad una confessione che ha lasciato tutti stupiti.

Vittorio Feltri: “Dopo il parto, mia moglie è morta”

Durante l’intervista con Massimo Gramellini, il giornalista ha raccontato di come ha scoperto di essere padre di due bambine. In ospedale, si è trovato davanti due neonati: “L’infermiera mi ha fatto capire che tutti e due i fagottini erano miei. Sono svenuto, ho avuto un mancamento. È arrivato un medico, mi ha fatto un’iniezione che mi ha dato anche una certa euforia e mi veniva da ridere”.

Vittorio Feltri ha spiegato di essersi sposato molto giovane, aveva poco più di vent’anni, perché la sua ragazza era rimasta incinta. E solo in sala parto ha saputo di essere diventato papà di due gemelle, Saba e Laura. Purtroppo, pochi mesi dopo il parto sua moglie è morta, per una polmonite trascurata. Maria Luisa aveva solo 24 anni, e ha lasciato un grande vuoto.

Il giornalista, con le lacrime agli occhi, ha rivelato di aver avuto per molto tempo un incubo riguardante proprio sua moglie. “Sognavo di essere in macchina, e la macchina andava senza che io riuscissi a fermarla, guardavo nello specchietto retrovisore e vedevo che mi inseguiva, ma io non riuscivo a fermarmi”.