Belen Rodriguez risponde alle accuse della Fornero: “Faccio la TV, mica le leggi”

da , il

    Belen Rodriguez scandalo sanremo

    Sarà una frecciatina a qualche “politica” un tantino troppo provocante? Belen Rodriguez, accusata da ogni parte di aver mancato di decoro, mostrando in pubblico la sua farfallina, torna a difendersi! Lo sappiamo bene, lo spacco dell’abito di Belen era effettivamente molto, troppo esagerato, ma a vostro avviso è normale che di questo Festival, molto probabilmente, ricorderemo solo questo (e forse anche i monologhi di Adriano Celentano)? Fra qualche anno, probabilmente, si parlerà ancora del famoso spacco di Belen, e non ricorderemo neanche quali sono i nomi dei cantanti che si sono esibiti durante le cinque serate del festival. Secondo voi, questo, è normale?

    A dirla tutta, la colpa di una situazione del genere non può essere attribuita del tutto a Belen, che come sempre si è presentata semi svestita sul palco. Niente di nuovo insomma, ma allora perché se ne parla tanto, e perché se ne è parlato addirittura in politica?

    Eh si, anche il ministro Elsa Fornero aveva detto la sua sullo spacco di Belen, criticando il suo “gesto”. “Sono circa tre mesi che non guardo la televisione - ha dichiarato il Ministro - ma da quello che vedo, non mi sembra ci siano molti cambiamenti apprezzabili. Credo che la televisione abbia dato spesso cattivi esempi’.

    Ma ecco come risponde Belen alle accuse della gente (ed in particolare a quelle della Fornero): “Faccio la TV, mica le leggi. Farebbe clamore se fosse una parlamentare a scendere le scale con quello spacco. Il vestito era di Fausto Puglisi, lo stilista di Madonna: lui gioca tutto sulla trasparenza, i tagli”.

    Insomma, con la sua solita leggerezza, la Rodriguez ha commentato le critiche, senza prendersi troppo sul serio, e senza dare eccessivo peso alle chiacchiere: “Scendendo le scale – spiega nuovamente la ragazza – mi sono resa conto che era hard, ma era tutto in regola. C’era uno slip cucito in modo speciale. Sono la donna delle provocazioni, mi piacciono i contrasti”.