Paola Turci si confessa: Mai più con un uomo, l’erotismo è donna

da , il

    Paola Turci si confessa: Mai più con un uomo, l’erotismo è donna

    Paola Turci si confessa: Mai più con un uomo, l’erotismo è donna! In una lunga intervista a Vanity Fair, la cantante 52enne si lascia andare a dichiarazioni sul suo privato: dall’incidente che le ha lasciato una cicatrice sul volto, al matrimonio di due anni fallito col giornalista Andrea Amato fino alla sua personale idea di sessualità: “L’erotismo è donna, tengo solo lontane le etichette. Ancora oggi se dici: ‘Mi piace una donna’, allora sei lesbica. Sorrido, quando qualcuno si chiede se io lo sia. Come domandare: ‘A te piace stare sopra o sotto? Ti piace dormire con il cuscino o senza?’. Ma cosa importa, quelli sono dettagli. Come fai l’amore è roba da chiedere?”.

    Paola Turci: Con gli uomini ho chiuso

    Paola, tornata prepotentemente sotto i riflettori dopo la partecipazione al Festival di Sanremo, dove si è posizionata al quinto posto con la hit Fatti bella per te, nell’intervista al magazine di Condè Nast lascia intendere un interesse per il sesso femminile, dopo anni per quello maschile. “Stare con un uomo no. Ma proprio no. Specie quelli che adesso sembrano innamoratissimi. Ho avuto ogni smania: di avere un fidanzato, di costruirci casa, di sposarmelo, di metterci su famiglia. Non è stato proprio un successo. L’equilibrio che mi completa ora, invece, lo è, ed è da difendere: non crede ai colpi di fulmine e non ha bisogno di altro. E la bellezza non c’entra. Puoi essere pazzesca e possono piacerti gli uomini da morire, ma se hai una porta chiusa dentro, non capita nulla”.

    L’amore per amici e famiglia

    “L’amore ha deviato, cambiato indirizzo. Quella passione, quella trepidazione che sentivo per un fidanzazto, ora si rivolge ad altre persone: le mie nipoti, gli amici sempre più definiti, che resistono nel tempo. Non c’è compagno che sia durato così a lungo”, continua la cantautrice romana.

    La maternità mancata

    “Io un bambino l’ho desiderato una volta sola, nel tratto perfetto, tra i 30 e i 36 anni. Ero innamorata. Ma lui ne aveva già uno, e non si è fidato di me. Oggi ringrazio il cielo”, dice la Turci sulla sua maternità mancata.

    L’incidente

    “Per 15 giorni non mi sono voluta guardare allo specchio – ha detto la cantante in merito all‘incidente d’auto che nel ’93 le sfigurò il viso- Neanche fasciata. Poi quando mi hanno tolto le bende, l’ho fatto piano, pezzettino dopo pezzettino. Sapevo che ero un disastro: la cucitura, l’occhio ‘ballerino’, il sopracciglio falciato. Le croste, le abrasioni, la deformazione. Oggi quando mi specchio, se sono stanca o dormo un’ora in meno, il bianco intorno all’iride diventa rosso. Ma io e quella lì riflessa abbiamo firmato un armistizio”.

    Dolcetto o scherzetto?