Riccardo Scamarcio su Harvey Weinstein: Ha una patologia ma è una persona normale

Il 'caso Weinstein' continua a far tremare il patinato mondo di Hollywood. Sono sempre di più le attrici che accusano il magnate di abusi e violenza sessuale. Tanti i personaggi famosi che hanno commentato la triste vicenda, come l'attore pugliese Riccardo Scamarcio

da , il

    Riccardo Scamarcio su Harvey Weinstein: Ha una patologia ma è una persona normale

    “Ha una patologia ma è una persona normale”: ecco cosa pensa Riccardo Scamarcio di Harvey Weinstein. Mentre il produttore cinematografico è scappato in una clinica di riabilitazione in Europa per guarire dalla sua “dipendenza da sesso”, non si arresta il terremoto che ha scosso tutta Hollywood. Sono sempre di più le attrici che accusano Harvey Weinstein di abusi e violenza sessuale, e molte le star che hanno voluto dire la loro sul terribile scandalo.

    Si allunga sempre di più la lista delle attrici che accusano Weinstein di abusi. Oltre a Asia Argento, Angelina Jolie e Gwyneth Paltrow, anche Cara Delevingne ha trovato il coraggio di raccontare le esplicite avances del pezzo grosso del cinema americano, costretto a volare in Europa per sottrarsi al processo mediatico.

    Riccardo Scamarcio parla di Harvey Weinstein

    Come Selvaggia Lucarelli e Vladimir Luxuria, che hanno apertamente attaccato Asia Argento, anche Riccardo Scamarcio ha voluto dire la sua sul caso Weinstein.

    Intervenuto nel corso della trasmissione di Radio 1 “Un giorno da pecora”, l’attore pugliese ha voluto subito criticare la stampa, puntando il dito sul processo mediatico subito dal 65enne.

    “Della vicenda, la cosa che mi sembra più triste è che il popolo vuole il sangue e la stampa glielo fornisce. Le reazioni di chi ha preso le distanze dai comportamenti di Weinstein, certamente e assolutamente condannabili, in questo momento mi sembrano altrettanto sgradevoli. Ci sono artisti che parlano adesso e che comunque hanno fatto la loro carriera“, ha specificato l’ex di Valeria Golino.

    Secondo Scamarcio, le vittime avrebbero dovuto parlare prima e non solo dopo aver ricevuto innegabili “benefici” dall’assecondare Weinstein.

    “Col senno di poi possiamo dire quello che vogliamo. Ora lo stanno massacrando e non si capisce che dietro c’è un uomo che ha una patologia, che si è comportato in maniera deplorevole ma che rimane un essere umano. Ora massacrarlo come sta facendo il New York Times, che si erge a beniamino della giustizia, mi sembra esagerato”, ha specificato l’attore senza tirarsi indietro.

    Riccardo Scamarcio, le foto dell'attore