Vladimir Luxuria a Verissimo: ho pensato di farla finita [FOTO]

da , il

    Vladimir Luxuria ospite a Verissimo rivela: ho pensato di farla finita. Dal salotto di Silvia Toffanin, l’opinionista dell’Isola dei Famosi 2017 ha raccontato a cuore aperto il momento più buio della sua vita, quando accettarsi era una sfida quotidiana, da cui è riuscita a uscire grazie al sostegno e all’amore delle sorelle e al buddismo. “Volevo farla finita”, ha detto senza nascondersi, “Pensavo che quelle come me non avessero un futuro. È stato un momento di depressione, ho abusato di sostanze stupefacenti, mi stordivo per dimenticare, in una sorta di morte bianca”.

    Vladimir Luxuria: Vladimiro lo considero un fretallo minore

    Un’emozionata Vladimir Luxuria, si racconta senza filtri a Silvia Toffanin, a partire dal suo passato a Foggia, dove 51 anni fa è nata col nome di Wladimiro Guadagno, fino al lungo percorso per sentirsi donna in un corpo di uomo, passando per le difficoltà, l’intervento e le battaglie quotidiane contro i pregiudizi.

    “Il Vladimiro che ero, lo considero un fratello minore. Era triste e malinconico, vomitava perché si rifiutava di esistere. Si immaginava diverso, pensava di non avere un futuro. Ma nonostante gli insulti a scuola, ha avuto la laurea da 110 e lode. E oggi sono qui per parlare con voi”.

    Valdimir Luxuria: la famiglia e l’adolescenza

    Il racconto di Valdimir a Verissimo inizia dalla sua difficile adolescenza, senza dimenticare le sue umili origini. “In quegli anni mi sono resa conto che dovevo fare una scelta, o reprimermi o vivere per quello che ero. Più passava il tempo più diventavo una persona tiste e peggiore. A 16 anni ho preso in mano la mia vita e questa è stata l’unica strada che mi ha portato alla libertà. Sono grata a mia madre che mi ha dato alla luce e a mio padre che per mantenerci trasportava polli. La mia famiglia era povera, ma dignitosa. Non avevamo i soldi per pagare l’affitto e quando tornavo da scuola vedevo mia madre piangere.Anche se non mi hanno dato agio economico, mi hanno cresciuto dignitosamente con altri quattro fratelli”.

    Valdimir Luxuria e il periodo buio

    “Pensavo che avrei potuto evadere – racconta in studio Luxuria in merito al momento più complicato della sua vita intorno ai 20 anni -. E’ stato un periodo difficile, di depressione e abuso di sostanze. C’è stato un periodo in cui volevo farla finita perché stavo male. Pensavo che quelli come me non avessero futuro e l’unica soluzione fosse stordirsi. Una morte bianca, una sorte di suicidio dilazionato. Poi ho preso in mano la mia vita e ora sono pronta a dare la forza a chi ne ha bisogno”.

    Vladimir Luxuria: salva grazie alle mie sorelle e al buddismo

    “Sono riuscita a superare quel momento buio – conclude l’ex parlamentare, che tempo fa aveva dichiarato di voler diventare mamma – grazie alle mie sorelle e al buddismo. L’ho praticato per tanti anni perché mi sentivo lontana dalla Chiesa. Un giorno, poi, ero a Napoli. Sono entrata in una chiesa e quando il sacerdote stava dicendo ‘Io non sono degno di partecipare alla tua mensa, ma di soltanto una parola e io sarò salvato’, una donna mi si è avvicinata e mi ha detto: ‘Cosa aspetti a fare la comunione?’. Io ho pensato che qualcuno di molto grande le avesse detto di farlo. Quindi ho capito che anche io vado bene per questo mondo e ho diritto alla mia fede. Gesù non discrimina le persone, in questo mondo c’è posto anche per me”.

    Dolcetto o scherzetto?