Antonia Liskova: “Ho vissuto in Italia da clandestina”

Antonia Liskova ha raccontato che quando è arrivata in Italia solo 18enne ha passato un periodo molto difficile, vivendo i primi anni come una clandestina. L'attrice e modella slovacca ha dovuto mostrare fin da subito il suo valore, non solo in quanto donna ma anche in quanto straniera:'Ho dovuto dimostrare allo Stato Italiano che non pesavo su questo Paese'.

Pubblicato da Giulia Martensini Venerdì 23 febbraio 2018

Antonia Liskova: “Ho vissuto in  Italia da clandestina”
foto / ansa

Antonia Liskova ha raccontato di aver vissuto i primi anni in Italia da clandestina.
Figlia di un ristoratore e di un’operaia in una fabbrica di scarpe, Antonia iniziò la sua carriera in Italia lavorando come modella, prima di approdare in televisione e al cinema. Attrice acclamata e vincitrice di un nastro d’Argento per il film “Riparo” di Simon Puccioni, per Antonia non è stato semplice all’inizio. L’attrice slovacca ha raccontato infatti del suo arrivo in Italia quando aveva solo 18 anni, confidando di aver fatto “un triplo salto mortale. Ho vissuto i primi anni da clandestina, dovendo dimostrare allo Stato che non pesavo come straniera in questo paese”.

Antonia Liskova: “Amo l’Italia ogni giorno di più”

“Ho dovuto dimostrare di essere una donna intelligente, oltre che bella. E già dovevo dimostrare tanto in quanto donna” ha ammesso l’attrice a Tv2000, ora protagonista al cinema con il film “Sconnessi” di Christian Marazziti.
Tante sono le volte in cui ha pensato di mollare tutto, “almeno un milione e mezzo”, confessa l’attrice sorridendo.
L’Italia è il Paese che l’ha accolta e che le ha regalato il successo ma per Antonia c’è anche un altro motivo per amarla: “Qui la gente è più aperta, io vengo da un mondo molto più oppresso. Mi avete insegnato a vivere con più leggerezza”.
Dalle parole dell’attrice è palese la forte emozione che traspare quando parla del Paese che l’ha accolta. “Io amo l’Italia tantissimo, forse più di voi. Perché io me la sono conquistata a voi è solo stata lasciata. E la amo ogni giorno di più.”