Carlo Conti confessa: ‘Fabrizio Frizzi ha seminato amore’

Dopo aver superato la difficile prova di riprendere il timone de L’Eredità al posto del suo caro amico Fabrizio Frizzi, Carlo Conti confessa tutto il suo dolore per la morte improvvisa del conduttore tv. “È uno strazio fortissimo” – ammette Conti.

Pubblicato da Giulia Sbaffi Mercoledì 11 aprile 2018

Carlo Conti confessa: ‘Fabrizio Frizzi ha seminato amore’
Instagram / foto

Carlo Conti parla di Fabrizio Frizzi e del loro bellissimo rapporto: “Mi chiamava ‘fratellone’” – spiega il conduttore. Due settimane fa l’improvvisa scomparsa di Fabrizio Frizzi ha scioccato l’intero paese, e per qualche giorno L’Eredità, il programma da lui condotto, non è andato in onda. A prendere il suo posto è stato chiamato Carlo Conti, collega e grande amico di Frizzi. Il presentatore oggi torna a parlare di quel difficile momento, quando per la prima volta è riapparso davanti alle telecamere con la consapevolezza di dover sostituire un uomo che ha segnato profondamente milioni di persone.

Carlo Conti racconta il dolore per la morte di Fabrizio Frizzi

“The show must go on”, come dice una celebre canzone. Le stesse parole le ha usate Carlo Conti all’esordio della sua prima puntata al timone de L’eredità, pochi giorni dopo la morte di Fabrizio Frizzi. Il conduttore ha avuto il gravoso incarico di prendere il posto del suo collega scomparso, ed è proprio a quest’ultimo che ha dedicato le sue prime parole davanti alle telecamere di Rai1.

Adesso Conti affronta nuovamente la sua sofferenza, in un’intervista rilasciata al settimanale Chi. Il presentatore, che per anni è stato legato a Frizzi da un rapporto di profonda amicizia, confessa il suo stato d’animo: “Quando un dolore è così forte non puoi fare proclami, è un strazio che hai dentro fortissimo e ti toglie le parole.

Non riesco a commentare una cosa che mi tocca così da vicino, preferisco il silenzio per cercare di metabolizzarlo. Andare in onda è stato triste: ho messo il ‘pilota automatico’, ma è stato difficile andare avanti perché eravamo veramente legati. Mi chiamava “fratellone” e questo dice tutto…” – rivela Carlo Conti.

Nelle scorse settimane Fabrizio Frizzi è stato ricordato da tutti come un grand’uomo e la sua assenza si farà sentire a lungo: “L’affetto che ha ricevuto è la dimostrazione che il buonismo lascia il tempo che trova, conta ciò che il pubblico ha visto ed è quello che il pubblico ama. Fabrizio ha seminato amore e ci ha fatto capire che essere normali non è mai un difetto”.

Vedi anche: