Elena Santarelli: ‘Che mio figlio si alzi dal letto non è scontato, ecco il mio motivo di gioia’

Si può criticare una mamma che, pur avendo il figlio malato, ha deciso di tornare al lavoro? Questo è ciò che è accaduto a Elena Santarelli: la showgirl torna a parlare della malattia di suo figlio e risponde alle polemiche.

Pubblicato da Giulia Sbaffi Giovedì 25 ottobre 2018

Elena Santarelli: ‘Che mio figlio si alzi dal letto non è scontato, ecco il mio motivo di gioia’
Foto: Instagram

Elena Santarelli torna a parlare del delicato momento che sta vivendo, a causa della malattia di suo figlio. Il piccolo Giacomo, 9 anni, ha un tumore cerebrale e sta combattendo come un leone la sua battaglia. Al suo fianco, mamma, papà e sorellina, naturalmente. Per Elena Santarelli è stato sicuramente molto difficile digerire questa nuova situazione, ma ha sin da subito deciso di riprendere una quotidianità assolutamente salutare per il suo bambino. E il lavoro ne fa parte, nonostante le tante critiche ricevute.

Elena Santarelli: “È assurdo doversi giustificare”

Ai microfoni de I Lunatici, la trasmissione di Rai Radio 2, la showgirl si è raccontata a tutto tondo. Ha parlato della sua carriera, del suo passato e infine del dramma in cui è stata catapultata circa un anno fa. Suo figlio Giacomo ha un tumore, e Elena Santarelli non ha mai nascosto la sua sofferenza.

“Sono arrivata ad essere così forte e positiva perché vedo talmente tante realtà peggiori della mia che alla fine arrivo a svegliarmi la mattina e a dire ‘ok, c’è questo problema da risolvere, combattiamo’. Ogni genitore soffre per le malattie del figlio, solo che la parola tumore fa più paura, ha troppi preconcetti” – ha confessato la showgirl.

“Per il bambino è importante anche l’atteggiamento di un genitore. Se sei positivo generi positività anche in tuo figlio. Solo per il fatto che mio figlio parla, ride, gioca, continua ad essere lo stesso di prima pur dovendo affrontare una sfida enorme, è motivo di gioia quando mi sveglio la mattina. Anche solo il fatto che mio figlio si alzi dal letto, vada in bagno a lavarsi i denti, e ritorni a letto, non è scontato”.

View this post on Instagram

Oggi comincia la settimana di sensibilizzazione sui tumori cerebrali "Brain tumor awareness". Molte sono le iniziative di divulgazione in tutto il mondo. Come mamma che conosce e vive questa patologia con il mio bambino, mi sento di invitarvi a condividere per questa settimana sui vostri profili social la coccarda grigia della "Brain tumor awareness", ricordandovi che in età pediatrica, i tumori cerebrali seppur rari, sono per incidenza i tumori solidi più diffusi nei bambini, rappresentando una importante causa di mortalità o di invalidità permanente tra i più piccoli. Dunque esponente la coccarda grigia e sostenete la ricerca sui tumori cerebrali in età pediatrica.@progettoheal con gentilezza e coraggio ❤️ #braintumorawarness

A post shared by Elenasantarelli (@elenasantarelli) on

Elena Santarelli è stata duramente criticata perché ha deciso di tornare a lavorare. Gli aspri commenti che le sono stati rivolti l’hanno profondamente turbata: “Se non ci si passa non si può giudicare più di tanto. È assurdo che io mi debba giustificare per una cosa che le altre mamme fanno normalmente. Tutte tornano a lavorare. E nessuno sa che hanno il figlio con un tumore, per questo non vengono giudicate. Questo è il lato negativo del mio lavoro. Mi sono esposta pubblicamente solo per parlare del progetto Heal e della ricerca”.