Flavio Insinna al timone de L’Eredità al posto di Frizzi? Scoppia la polemica social

Dopo la devastante bufera sui fuori onda delo scandalo, ennesimo occhio del ciclone per il conduttore. Il pubblico sembra non gradire la presenza di Insinna dopo quanto accaduto nel dietro le quinte di Affari Tuoi e svelato da Striscia.

Pubblicato da Giovanna Tedde Giovedì 3 maggio 2018

Flavio Insinna al timone de L’Eredità al posto di Frizzi? Scoppia la polemica social
Foto / ansa

Flavio Insinna al timone de L’Eredità al posto di Fabrizio Frizzi? L’idea sembra non piacere a molti e scatta la polemica sui social. Complice di un pruriginoso fastidio nell’opinione pubblica è lo scandalo emerso dalle rivelazioni di Striscia la Notizia sui fuori onda al vetriolo di Affari Tuoi. E sul web corre anche lo spietato confronto tra i due conduttori, in cui a soccombere, giocoforza, è proprio l’ex padrone di casa del gioco dei ‘pacchi’.

Insinna a L’Eredità?

Dopo la morte di Fabrizio Frizzi, la Rai fa i conti con la caccia al nome di un degno sostituto del compianto conduttore, professionista sobrio e sempre elegante, mai invadente e inopportuno.
Ci sarebbero trattative per portare al timone del quiz L’Eredità Flavio Insinna, amico di vecchia data di Frizzi e reduce dallo scandalo di immani proporzioni sui fuori onda di Affari Tuoi, svelati dall’occhio impietoso di Striscia la Notizia.
Sarebbe bastato l’accenno a questa ipotesi, non ancora confermata dunque, per scatenare uno stillicidio di critiche online. Insinna potrebbe approdare alla guida dello show nel prossimo autunno.
Non solo pareri opposti al suo rientro ‘trionfale’ in Rai, ma anche opinioni a favore del presentatore che, malgrado la pessima caduta di stile con cui ha fatto palesemente autogol, è da tanti ritenuto un grande professionista e padrone delle scene.
Doti di indiscutibile caratura che fanno il paio, però, con l’immagine ‘occulta’ di un Insinna che il tritacarne mediatico ha restituito nudo e crudo nelle case degli italiani, e che non tutti riescono a digerire. I vertici Rai vireranno su un altro nome o giocheranno la carta della ‘riabilitazione’ televisiva di uno dei volti più discussi della tv?