Isola 13, Vladimir Luxuria contro Alessia Marcuzzi: ‘Ha insabbiato tutto’

Ennesima stoccata alla conduttrice del reality, finita a capofitto dentro il vortice dello scandalo canna gate in Honduras, per un presunto atteggiamento di cover-up sulla vicenda che ha fatto storcere il naso a molti. Pubblico e personaggi dello spettacolo dicono la loro sulla querelle che vede Francesco Monte come principale accusato e, a cascata, l'intera produzione del reality.

Pubblicato da Giovanna Tedde Lunedì 5 marzo 2018

Isola 13, Vladimir Luxuria contro Alessia Marcuzzi: ‘Ha insabbiato tutto’
Foto / ansa

Isola 13, Vladimir Luxuria contro Alessia Marcuzzi: ‘Ha insabbiato tutto’. La pungente opinione si abbatte sulla credibilità della conduttrice del reality come un’onda di piena, che sarà forse difficile da arginare. I sospetti di un presunto cover-up sul canna gate da parte della produzione dell’Isola dei Famosi 2018 si sono fatti sempre più insistenti, ecco cosa sta succedendo.

Canna gate e cover-up: le accuse di Luxuria

Lo ‘sciame sismico’ scatenato dal terremoto di accuse di Eva Henger contro Francesco Monte ha investito inesorabilmente anche la produzione del reality honduregno, e con essa la stessa conduttrice, Alessia Marcuzzi.
Per il suo ruolo di frontwoman del prime time di Canale 5, si è vista a dover fare da ‘cuscinetto’ tra le gravissime dichiarazioni dell’ex pornostar e la tutela del buon nome del prodotto televisivo, finendo lei stessa nel calderone dei nomi sotto accusa, insieme agli autori, ritenuti responsabili di un vero e proprio insabbiamento della verità sullo scandalo droga in Honduras.
E non è stato sufficiente, per la conduttrice, ribadire a più riprese la sua posizione rispetto alle critiche ricevute sul caso marijuana (che aveva anche detto di non dover ricevere insegnamenti su come si conduce un programma).
Al coro dei detrattori si aggiunge la voce di Vladimir Luxuria, che conferma i suoi dubbi al settimanale Nuovo, con affermazioni senza sconti verso il reality.
“Credo che Alessia, pur di seguire la volontà degli autori, abbia deciso di insabbiare tutto”. Un parere che fa da sintesi al pensiero di molti, e che rischia di trascinare dietro di sé un’ulteriore vena polemica.