J-Ax dice ‘stop’: ‘Ora è tempo di essere Alessandro’

L'annuncio su Instagram suona come un 'congedo temporaneo' in vista di una futura evoluzione dei suoi progetti, notoriamente pensati 'in grande', nel segno della sua solita effervescenza artistica.

Pubblicato da Giovanna Tedde Giovedì 30 agosto 2018

J-Ax dice ‘stop’: ‘Ora è tempo di essere Alessandro’
Foto: Instagram

J-Ax annuncia la pausa che lo vedrà lontano dal palcoscenico dopo l’ultima serie di concerti. Il rapper lo ha annunciato con un lungo post sul suo profilo Instagram, congedandosi dai suoi fan per lasciare il posto alla sua identità fuori dall’occhio dei riflettori. grande lo stupore dei followers, mentre sembra chiudersi un cerchio idilliaco intorno all’artista, ma non certo l’ultimo di una stellare carriera.

J-Ax si congeda: ‘È tempo di essere Alessandro’

Il post su Instagram è di quelli destinati a far discutere, o almeno a instillare nel pubblico un lungo elenco di interrogativi a cui J-Ax (nome d’arte di Alessandro Aleotti) ha dato una risposta personale sui social. Ultimi live e poi uno stop che lo terrà lontano dalle scene, così come ha scelto in questo preciso momento della sua vita.

Reduce dal fortunato sodalizio con Fedez, avrebbe quindi deciso di ritirarsi per un po’, non prima di aver stuzzicato i fan sul suo ritorno. 25 anni di carriera e una evoluzione artistica senza troppi precedenti sulle scene italiane, lo ‘zio’ si congeda lasciando pregustare ai suoi supporters il sapore di un grande rientro in pista…

I concerti al Fabrique sono la mia voglia di dirvi che per andare avanti devo prima ricominciare da zero. Di nuovo. Ancora una volta volta. Ma sono anche per me un motivo di riflessione: 25 anni di carriera. Una volta pensavo che arrivare a 25 anni – di età – sarebbe stato impossibile… Già, la vita è proprio strana. È per quello che cerco sempre di dire, specialmente ai ragazzi, che non bisogna mai mollare. La vita migliora e noi con lei. Ma questi concerti saranno, per me, anche un punto di arrivo e un momento per una pausa di riflessione. Ormai , grazie voi, “essere J-Ax” è tutto quello che conosco da 25 anni. A un certo punto, bisogna anche lasciare le briglie, fermarsi e guardarsi intorno per mangiare un po’ di vita prima di ricominciare ancora una volta. È tempo di essere Alessandro.

A post shared by J-Ax (@j.axofficial) on

I concerti al Fabrique sono la mia voglia di dirvi che per andare avanti devo prima ricominciare da zero. Di nuovo. Ancora una volta volta. Ma sono anche per me un motivo di riflessione: 25 anni di carriera. Una volta pensavo che arrivare a 25 anni – di età – sarebbe stato impossibile… Già, la vita è proprio strana. È per quello che cerco sempre di dire, specialmente ai ragazzi, che non bisogna mai mollare. La vita migliora e noi con lei. Ma questi concerti saranno, per me, anche un punto di arrivo e un momento per una pausa di riflessione. Ormai , grazie voi, “essere J-Ax” è tutto quello che conosco da 25 anni. A un certo punto, bisogna anche lasciare le briglie, fermarsi e guardarsi intorno per mangiare un po’ di vita prima di ricominciare ancora una volta. È tempo di essere Alessandro“.